POESIE - LAZIO
Er Somaro e er Padrone

Dialetto: Lazio

Er Somaro e er Padrone
Dialetto romanesco.

- Mo è troppo - disse er Ciuco ar su' Padrone.
- 'Na vita a sopportà botte e lavoro,
anche si so' un somaro ciò un decoro,
nun vojo subbì più 'st'umijazzione.
Io m'affatico e gronno de sudore
e tu m'aricompensi cor tortore. -
- Ched'è? De che te lagni? Fai protesta
a 'n ordine de cose naturale
indo' io so' l'omo e tu sei l'animale,
che nun se pò permette d'arzà testa.
Si tu t'encaponisci e nun t'aggrada,
te levo la razzione de la biada. -
A 'sto ricatto er Ciuco n'arispose
e drento a se pensò: - Mbeh, cià raggione!
Nun posso aribbellamme. Ciò er magone
ma è mejo de nun peggiorà le cose.
Inzino a che sto bono, chiotto e zitto,
armedio co' le botte alloggio e vitto. -
E fu accusì ch' er Ciuco er su' decoro
se lo lasciò cadé tra sterco e paja.
Lavora, busca, quarche vorta raja
e cià tant'artri che je fanno er coro.
Inzino a che a 'sto monno c'è un somaro,
trovà un Padrone nun sarà mai raro.



Traduzione in italiano

Il Somaro e il Padrone


- Basta - disse l'asino al padrone.
- Tutta una vita tra botte e lavoro,
anche se son somaro ho del decoro,
non voglio più subire umiliazione. -
Io mi affatico e grondo di sudore
e tu mi ricompensi col tortore.
- Che c'è? Cosa lamenti? fai protesta
a un ordine di cose naturale
dov'io son l'uomo e tu sei l'animale
che non può certo tirar su la testa.
Se tu protesti e questo non ti aggrada,
Ti tolgo la razione tua di biada. -
Al suo ricatto il Ciuco non rispose
e dentro a se penso: - Sua è la ragione.
Non posso ribellarmi. Avrò il magone
ma io non devo peggiorar le cose.
Fintanto che sarò docile e zitto,
prenderò botte ma avrò pure il vitto. -
E fu così che il Ciuco il suo decoro
se lo lasciò cader tra sterco e paglia.
Lavora, prende botte e poco raglia
e ci son tanti che gli fanno il coro.
Fino a che al mondo ci sarà un Somaro,
travar Padrone non sarà mai raro.



Racconto inviato da: Pasquino da Todi