POESIE - LOMBARDIA
Fiolett
Ricordi dei miei giochi da bambina nei cortili dei contadini di Cerchiate,ed una speranza che i bambini di oggi non diventino noi.
Dialetto: Lombardia

Fiolett

Calsonitt tuc pien de bus,
calzetitt arotolaa,
la facia lustra me'n pòmm,
e cont i ginoeuc spelaa.
Du gran d'uga sbarata,
ona bouca de scirèes.
La front semper sudada
per la corsa 'pèna fada.
Sul còll i righ de teera,
i man negher impalta.
Reduci da ona gueera,
finida mez'ora fa.
Per lor l'è già finida
e beven a la fontana.
Se pocien el co inter,
se sbròfen, riden, canten,
se pasen el pan e butèr.
On tòcch a chi l'è senza.
Che beela che l'età chi!
Beata l'innocensa!
Restasen semper inscii!

Ma 'pèna te se vòltet
a diventen come ti.


Traduzione in italiano

Bambini

Calzoncini pieni di buchi,
calzine arrotolate,
il viso lucido come una mela,
e con le ginocchia spellate.
Due chicchi d'uva spalancati
e una bocca di ciliegia.
La fronte sempre sudata
per la corsa appena fatta.
Sul collo righe di terra,
le mani nere infangate.
Reduci da una
finita mezz'ora fà.

Per loro è già finita
e bevono alla fontana.
Immergono la testa intera,
si spruzzano, ridono, cantano,
si passano pane e burro.
Un pezzo a chi è senza.
Che bella questa età!
Beata l'innocenza!
Restassero sempre così!


Ma appena tu ti giri
diventan come te.

Racconto inviato da: Loredana Moroni