POESIE - LIGURIA
Mâ scûo
Dialetto genovese
Dialetto: Liguria

Mâ scûo
Anchêu comme o l’é scûo o mâ!
o me fa quæxi puïa,
l’onda grossa e arraggiä
a s’arrigoela e a derrua.

L’amïo e quanti ricordi
me vëgnan sciù da-o cheu!
de quande in queste spiäge
ghe vegnïmo da figgieu.

Quande bastava poco
pe avei a feliçitæ:
trovâ una conchiglia
da regalä a teu moæ,

scavâ beuggi in te l’ænn-a
e voei impïli de mâ,
o scappâ davanti ai maoxi
pe no fäse aggoantâ.

Quande bastava cianze
pe avei una caressa,
e ancon no se saveiva
cose a l’ea l’amaressa;

primma do ben e do mâ,
primma do crïo de pascioìn,
primma de fäse despuggiâ
de tutte e nostre illuxioìn.

Quande pensàimo: “O ciù bello
o vegniâ çerto doman.”
e no savéimo ch’o l’ea quello
che avéivimo in te man;

quando credeivimo che a vitta
a ne dovesse dâ tanto,
e no saveimo che a-a fin
ben ciù da gioia o l’é o cianto!

Ancheu o l’è scuo o mâ,
e o me fa puïa, però
no me ne sò destaccâ,
l’amïo incantä e no sò

s’a l’é ‘na lägrima o o vento
ch’o spassa e onde do mâ,
a lasciäme in sciä bocca
questo gusto de sâ.



Traduzione in italiano

Mare scuro
Oggi com’è scuro il mare!
mi fa quasi paura,
l’onda grossa e arrabbiata
si arrotola e dirompe.

Lo guardo e quanti ricordi
mi salgono dal cuore!
di quando in queste spiagge
venivamo da bambini.

Quando bastava poco
per avere la felicità:
trovare una conchiglia
da regalare a tua madre,

scavare buche nella rena
e voler riempirle di mare,
o scappare davanti ai marosi
per non farsi agguantare.

Quando bastava piangere
per avere una carezza,
e ancora non si sapeva
cos’era l’amarezza;

prima del bene e del male,
prima del grido delle passioni,
prima di farci spogliare
di tutte le nostre illusioni.

Quando pensavamo: “Il più bello
verrà certo domani.”
e non sapevamo che era quello
che avevamo tra le mani;

quando credevamo che la vita
ci dovesse dare tanto,
e non sapevamo che alla fine
ben più della gioia è il pianto!

Oggi è scuro il mare,
e mi fa paura, però
non me ne so distaccare,
lo guardo incantata e non so

se è una lacrima o il vento
che spazza le onde del mare,
a lasciarmi sulle labbra
questo sapore di sale.

Racconto inviato da: Alba Toscanini