POESIE - CALABRIA
U Venniri e Santu
Si parla di un tempo ormai lontano quando non fare digiuno il venerdì era considerato un peccato.
Dialetto: Calabria

U Venniri e Santu
Cammaratti lu sabbitu ca vojgghiu
E guardinci lu venniri a me fijgghiu
Sennò ti brusciu comu pisci all'ojgghiu
Comu n'cruci mentisti a lu me fijgghiu.


Traduzione in italiano

Il Venerdi` Santo
Mangia la carne il sabbato che lo voglio
Però osserva il venerdì per mio figlio
Altrimenti bruci come il pesce nell'olio
Come in croce hai fatto mettere mio figlio.

Racconto inviato da: I miei antenati