POESIE - SICILIA
U Capurali

Dialetto: Sicilia

U Capurali
Unni ti giri giri un capurali
lu trovi sina doppu cungidatu,
s'impila uunidegghiè comu lu sali
ca pari comu t'assi avvilinatu.
E' spertu ca si sapi stracangiari,
di facci, di vistitu e di misteri
e prima ca tu tinni pò addunari:
si fa parrinu o carrabbuneri,
mpiegatu ddilicenti o magistratu,
vicinu o capumasciu fastidusu,
di tutti li latati si affirratu.
T'alludi c'arrivannu mparadisu
tu ti scanzassi lu capuralatu
e l'angilu... ti fa truvari chiusu.



Traduzione in italiano

Il Caporale
Per dove ti rigiri un caporale
lo trovi fino a dopo congedato,
s'infila in ogni dove come il sale
sembra come ti avesse avvelenato.
E' furbo e si sa come travisare
di faccia, di vestito e di mestiere
ed ancor prima tu possa capire:
si mostra prete o carabiniere,
impiegato diligente o magistrato,
vicino o capomastro fastidioso,
da tutti i lati ti senti afferrato.
T'illudi che arrivando in paradiso
ti sia scansato il caporalato
e l'angelo... ti fa trovare chiuso.


Racconto inviato da: Antonio Lauricella