RACCONTI - CALABRIA
U terremotu du 1908
Questo racconto cerca di illustrare l'impotenza dell'uomo davanti alle calamità naturali.
Dialetto: Calabria

U terremotu du 1908
All'ottu di dicembri o chi terruri!
noshtru Signuri ndi vorzi subbissari.
Detti nu sguardu pe li piccaturi
tutta la terra la fici tremari.
Li fabricati cadivanu suli
pe grazia di Ddiu non ci fu mali.
Pecchi` so` Mamma stava andinojcchiuni
"Fijgghiu, l'ura di sdegnu nd'hai cessari."
"Jeu cara Matri non supportu jcchiuni
senno` li mandu a li peni 'mpernali".
"Figghiu, mandinci n'attu di doluri
e terramoti senza fari mali".
Santi a li stipi no rrestaru jcchiuni
chi tutti fora li vinniru a cacciari.
E Santa Filomena sudava di jcchiuni
di la facci nci currianu ddui funtani.


Traduzione in italiano

Il terremoto del 1908
All'otto di dicembre o che terrore!
Nostro Signore ci ha voluto subbissare.
Dando uno sguardo a tutti i peccatori
tutta la terra la fece tremare.
I fabricati cadevano da soli
per grazia di Dio non ci fu alcun male.
Perche` sua Madre stava a ginocchioni
"Figlio, l'ora di sdegno devi cessare".
"Io, cara Madre non li sopporto più
altrimenti li mando a le pene infernali".
"Figlio, manda loro un atto di dolore
e terremoti senza far del male".
I Santi negli armadi non sono più rimasti e tutti fuori li vennero a portare.
E Santa Filomena sudava ancor di più
e dal suo viso scorrevano due fontane.

Racconto inviato da: Silvana Rechichi