POESIE - SICILIA
Lu Santu Natali di famiglia

Dialetto: Sicilia

Lu Santu Natali di famiglia
Natali veramenti, a tutti banni,
è la cchiu' santa di li festi santi,
a tutti ci addiventa un cori ranni
e tutti si facìssuru cuntenti.
Lu Signiruzzu, sempri surrìdenti,
nn'abbinidìci di li celi ganti
e nun c'e' casa ca nun preia Santi
ca li cunserva tutti li parenti.
C'è cu firrìa, a la sira, li nuveni,
cu conza lu presepiu a lu Signuri,
cu canta, cu cc'adduma li lumìni,
Natali e' festa c' allarga lu cori.
Ma quannu arriva la Santa jurnata
pari lu munnu suttasupra misu:
la soru ca t'ajjorna sciarrìata
o lu cugnatu ca si senti offìsu,
l'amicu nun ti degna di parola,
la zita ca nun voli passìari,
lu figliu ccu l'amici ìri fora.
li nanni suli comu ponnu stari?
Pari c' arriva la rivoluzìoni
ammeci di la Festa Biniditta!
Unna spunna' tutta la ddivuzioni?
Unna finì tutta la bona dìtta?
Ma comu ? si diciva ca Natali
era la festa ranni di la paci...
ognunu si scurdava la so' cruci
e chidda d'atru si vulìa purtari?
Allura comu passa la facenna?
L'amuri, l'amicizia e la crìanza
ca prima si vinnivanu a cridenza...
di bottu si purta' la Ricurrenza?
Ci fussi di cchi perdiri lu senzu
si si vulìssi n'capu arraggiunari!
Ma, forsi, nun c'è nenti di capìri...
l'omu e' di carni e di picca pìnzeri!
Sugnu sicuru ca lu Bammineddu,
vidennu chi succedi ad ogni annata,
nun parla... pirchì è fattu di ìssu!
La santita'... lu teni nni la naca.



Traduzione in italiano

Il Santo Natale di famiglia
Natale veramente, da tutte le parti,
è la più bella delle feste sante,
a tutti gli si fa il cuore grande
e tutti si farebbero contenti.
Nostro Signore, sempre sorridente,
ci benedice dall'alto dei cieli
e non c'è casa che non preghi i Santi
per far salvaguardar tutti i parenti.
C'è chi gira, a sera, le novene,
chi addobba il presepe al Signore,
chi canta, chi gli accende i lumini,
Natale è festa che ci allarga il cuore.
Ma quando arriva la Santa Giornata
Il mondo pare sottosopra messo:
fa giorno e la sorella è litigata
ed il cognato che si sente offeso,
l'amico non ti degna di una parola,
la fidanzata non vuole andare a passeggio,
il figlio con gli amici andare fuori,
i nonni soli come possono restare?
Sembra che arrivi la rivoluzione
invece della Festa Benedetta!
Dove è sprofondata tutta la devozione?
Dov'è finita ogni bella cosa detta?
Ma come? Si diceva che il Natale
Era la festa grande della pace...
ognuno si scordava la sua croce
e quella d'altri si voleva portare?
Allora come è messa la faccenda?
L'amore, l'amicizia e la creanza
Che prima si vendevano a credito
Di botto portò via la Ricorrenza?
Ci sarebbe di che perdere il senno
se si volesse sopra ragionare!
Ma, forse, non c'è niente da capire...
L'uomo è di carne e di poca memoria!
Sono sicuro che il Bambinello,
vedendo cosa succede ad ogni anno,
non parla sol perché fatto di gesso!
La santità ... lo tiene nella culla.


Racconto inviato da: Antonio Lauricella