POESIE - MOLISE
Venafre, prim'amore
Poesia scritta intorno algi anni ottanta,da Giovanni Atella, giornalista e scrittore, inserita nel libro "Così parlavano i venafrani, vocabolario del dialetto di Venafro. La poesia dominata dal sentimento di amore verso il proprio paese natio, ne traccia un ritratto attraverso i luoghi più conosciuti del centro storico e i monumenti più significativi dal punto di vsta affettivo dei Venafrani. E' il casso della Fontana delle Quattro Cannelle. Si dice , infatti, che chi beve alla terza cannella, non lascerà mai Venafro...ma visto che le cannelle sono disposte secondo una linea orizzontale, quale sarà mai la terza?
Dialetto: Molise

Venafre, prim'amore

Venafre,
sì i puaèse cchiù bèglie ri munne,
sì 'ne bene senza funne.
Sì com'ai prim'amore
ca resta sempe rent'ai còre.

'mmieze all'aulìve, sì 'ne sciore
ca la natura, sòre sòre,
facètte sciurì beglie e gentile
com'a 'ne juorne roce r'aprile.

Te remire rent'ai ciele
ca t'accummòglia com'a'ne vèle.
Le campagne, l'ortera, le chiante
sò 'na curnicia, tutte quante.

Sì 'na museca, zecosa e rocia
ca scenne abbballe a Santa Crocia.
Ra Muscuriglie ai Veschevate...
quanta storia tiè stepate.

Sì i puaese ca è pettate
'nè pettore 'nnamurate;
sì i puaese re le quatte cannèlle,
re Portanòva, re Ciaraffélle.

Ralla Funtana ai Cuastieglie,
rai Mercate ai Merenièglie,
sì tutte 'ne splendore,
sì pe tutte i prim'amore.

Com'è le vère la sturiélla;
re chi vève alla terza cannélle,
avasta 'ne cuolle ca fa tu...,
bòna notte...., nen parte cchiù.

Venafre,
sì i puaèse cchiù bèglie ri munne,
sì 'ne bene senza funne.
Sì com'ai prim'amore
ca resta sempre rent'ai còre.


Traduzione in italiano

Venafro, primo amore

Venafro,
sei il paese più bello del mondo,
sei un bene senza fondo.
Sei come il primo amore
che resta sempre nel cuore.

In mezzo agli ulivi, sei un fiore
che la natura, piano, piano,
fece fioreire bello e gnìentile
come una giornata dolce di Aprile.

Ti ammiro nel cielo
che ti copre come una vela.
La campagna, gli orti, le piante
sono una cornice, nel loro insieme.

Sei una musica, allegra e dolce
che scende giù da Santa Croce.
Da Muscuriglie al Vescovato
quante storie hai conservato.

Sei il paese che ha dipinto
un pittore innamorato;
sei il paese delle quattro cannelle,
di Portanuova, delle Ciaffarelle.

Dalla Fontana al Castello,
dal Mercato ai Marinelli,
sei per tutti uno splendore,
sei per tutti il primo amore.

Come è vera la storiella
di chi beve alla terza cannella;
basta un sorso della tua acqua...
buona notte...., non si parte più.

Venafro,
sei il paese più bello del mondo,
sei un bene senza fondo.
Sei come il primo amore
che resta sempre nel cuore.

Racconto inviato da: Giovanni Atella