POESIE - MARCHE
E STELLE QUI DA NÓ’
Ma che birichine le stelle qui da noi! Si comportano da vere pettegole ficcanaso. Sono le padrone del cielo. Tranne una: quella che timidamente veniva a splendere sul mio vicoletto. Veniva per ridarmi la speranza: era una stella amica, pronta anche a sacrificarsi (sfilarsi) per far diventare realtà un sogno. (Venite a vedere con quale eleganza e generosità “si sfilano” le stelle qui il 10 di agosto)
Dialetto: Marche

E STELLE QUI DA NÓ’

Ma l’ete viste e stelle qui da nó’?
Sgrizzi d’argento, lucciole fatate!
Che pare meste a posta a pinduló’,
pronte per èsse’ ‘còrte a mijarate.

Te metti a faje a posta a prima sera,
quanno che u sole è ancora in bella vista.
Te ‘ntigni, vòi vedelle a scappà’ fora,
però te pija sempre alla spruista.

Primma ‘n c’è gnente, pò’ fa l’ucchiulì’
desopre un tetto, dedietro un campanile,
te pija in cujunella da un camì’
o gioca a nascundì’ dendro un curtile.

‘A più saputa, quella più ruffiana,
all’Emmaria, sur Domo tinto d’oro,
mentre ch’ancó’ sbatocca ra campana,
essa fa aggià a ciuetta s’u mazzolo.

Quanno, pianetto, l’ombre se ‘nfittisce,
a gruppi de dù’ o tre viè’ tutte fora,
chiacchieranno se sparte e se riunisce,
pare bardasce fora da ra scola.

Cull’aria più ‘nnucente de ‘sto monno
Va a fa e scoperte ma l’innammurati,
‘gni stella un bagio! Je! che finimondo!
Che sbigiarella de còri sopre i prati!

Al Pincio ce se ‘mmucchia a centunari
A fa re prause, a dasse l’impurtanza:
“Che belle comme lora nun c’è pari”
L’ha detto Giacumì, n’è mardicenza!”

Però se deo da dì’, tra tutte e stelle,
io ce n’eo una a famme cumpagnia,
‘n era certo a più bella tra re belle
ma, essa me parea che fosse a mia.

Se ‘ntrufulava ntramezzo i palazzó’
Per venì’ a splenne su ‘sto viculetto,
zitta comme se fosse in suggezzió’,
me riccamava i sogni sopre u letto.

‘Na stella amica è ‘na cannela ‘ccesa
in un mumento de disperazzió’.
E’ ‘na prighiera che luppica suspesa,
è ‘na prumessa de cunsolazzió’.

‘Na stella che se sfila è ‘na speranza,
che, ‘i visto mai, po’ duventà’ realtà.
E’ u modo che cià Dio per datte dienza,
per dì’ che nun se dee mai disperà’.

E s’ete visto e stelle qui da nò’,
avrete visto se cun che eleganza
se sfila una a una e casca giò.
More ‘na stella, nasce ‘na speranza.




Traduzione in italiano

Le stelle qui da noi

Le avete viste le stelle qui da noi?
Spruzzi d’argento, lucciole fatate!
Sembrano messe a bella posta a penzoloni,
pronte per essere raccolte a migliaia.

Ti metti a spiarle all’imbrunire,
quando il sole è ancora visibile,
ti ostini, vuoi vederle apparire,
però ti colgono sempre di sorpresa.

Un attimo prima non c’è nulla, poi fanno capolino
sopra un tetto o dietro un campanile.
Ti prendono in gito da un comignolo
o giocano a nascondino dentro un cortile.

La più saccente, quella più accattivante,
all’Ave Maria sul Duomo tinto d’oro,
mentre ancora suona la campana,
fa già la civetta sul mazzolo (tiene tutto sotto controllo).

Quando, piano, le ombre si infittiscono,
(le stelle) a gruppi di due o tre appaiono,
chiacchierando si dividono e si riuniscono,
sembrano bambine all’uscita di scuola.

Con l’aria più innocente di questo mondo,
vanno a spiare gli innamorati.
Ogni stella un bacio! Je! ( Jesus = Gesù, esclamazione) che finimondo!
Che scivolate di cuori sopra i prati!

Al Pincio (Colle dell’infinito di Leopardiana memoria) si ammucchiano a centinaia
a fare le vanterie, a darsi importanza:
“Belle come loro non ce ne sono”
l’ha detto Giacomo (Leopardi), non è maldicenza (in questo caso non significa “calunniare” e neanche parlare a sproposito ma riportare un parere autorevole).

Però, se devo esprimere un parere, tra tutte le stelle
Io ne avevo una che mi faceva compagnia,
non era forse la più bella tra le belle,
ma mi sembrava fosse tutta mia.

Si inseriva astutamente tra i palazzi alti,
per venire a splendere su questo vicoletto,
silenziosa, quasi in soggezione,
mi ricamava i sogni sopra il letto.

Una stella amica è una candela accesa
in un momento di disperazione,
è una preghiera che scintilla sospesa,
è una promessa di consolazione.

Una stella che cade è una speranza
che, hai mai visto, può diventare realtà.
E’ il modo che ha Dio per darti ascolto,
per dire che non si deve mai disperare.

E se avete visto le stelle qui da noi,
avrete visto con quale eleganza,
una ad una cadono giù.
Muore una stella, nasce una speranza.


Racconto inviato da: Maria Teresa Bonifazi