POESIE - SICILIA
Sicilia bedda
Questo canto è un inno d'amore di un emigrante costretto a lasciare Sicilia, famiglia e affetti; il loro ricordo supera, però, la barriera dello spazio e del tempo. Testo: Giuseppe Pittari Musiche: Valerio Vancheri
Dialetto: Sicilia

Sicilia bedda

Da st'isula nu jornu partivu, era china di suli
Pi fari fortuna lassavu me matri e l'amuri
Girannu lu munnu si parlu di tia mi vantu
Ma quannu taliu lu mari pi nun chianciri cantu.

Sicilia bedda,nun ti pozzu chiù scurdari
Si ti lassavu terra mia m'ha pirdunari
T'aju tinutu sempri dintra lu me cori
Nun passa jornu ca nun pensu di turnari.

Ricordu 'u primu amuri
La terra ca mi fici
La gioventù, me matri
e tutti li me amici.

Sicilia bedda nun ti pozzu chiù scurdari
Granni è st'amuri
Quantu granni e profunnu lu mari.
Ma quantu su beddi Nu-Yorki, Berlinu e Milanu
Ma quantu chiù duci è la vuci di nu paisanu
Sta terra ca chiama li figghi ca sunu luntanu
Sta matri ca è matri dui voti e mai ni scurdamu

Sicilia bedda nun ti pozzu chiù scurdari
Si ti lassavu terra mia m'ha pirdunari
T'haju tinutu sempri dintra lu me cori
Nun passa jornu ca nun pensu di turnari.



Traduzione in italiano

Sicilia bella

Da quest'isola un giorno partii, era piena di sole
Per fare fortuna lasciai mia madre e l'amore
Girando il mondo se parlo di te mi vanto
Ma quando guardo il mare per non piangere, canto

Sicilia bella non potrò più dimenticarti
Se ti ho lasciata terra mia mi devi perdonare
Ti ho tenuta sempre dentro il mio cuore
Non passa giorno che non penso di tornare.

Ricordo il primo amore,
La terra che mi ha creato,
La gioventù, mia madre
E tutti i miei amici.

Sicilia bella non potrò più dimenticarti
Grande è questo amore
Quanto grande e profondo il mare.
Ma quanto sono belle New-Jork, Berlino e Milano
Ma tanto più dolce è la voce di un paesano
Questa terra che chiama i suoi figli che sono lontano
Questa madre che è madre due volte e mai lo dimentichiamo.

Sicilia bella non ti potrò più dimenticare
Se ti ho lasciata terra mia mi devi perdonare
Ti ho tenuta sempre dentro il mio cuore
non passa giorno che non penso di tornare.

Racconto inviato da: G. Pittari - V. Vancheri