POESIE - CORSICA
Barbara Furtuna
Paghjella (Canto polifonico a tre voci) tradizionale
Dialetto: Corsica

Barbara Furtuna
O Barbara furtuna, sorte ingrata
À tutti ci ammolisce u cor in pettu
Pensendu a quella libertà passata.

Hè pur ghjuntu quel ghjornu, u dì funestu,
D'abbandunà i piacè per li turmenti,
O Diu! chi tristu ghjornu hè per me questu!

Addiu Corsica, mamma tantu amata,
Nel separarmi di te senza ritornu,
O chi dulor nell'anima scunsulata.


Traduzione in italiano

Barbara Fortuna
O Barbara fortuna, sorte ingrata
A tutti ci stringe il cuor in petto
Pensando a quella libertà passata.

È pur giunto quel giorno, il dì funesto,
D'abbandonare i piaceri per li tormenti,
O Dio! Che triste giorno è per me questo!

Addio Corsica, madre tanto amata,
Nel separarmi di te senza ritorno,
O che dolor nell'anima sconsolata.

Racconto inviato da: Tradizionale