POESIE - CORSICA
U cantu di i pantani
Poesia indipendentista
Dialetto: Corsica

U cantu di i pantani
So pianure distese
Di fangosu pantanu
Duve mai s'intese
L'acellu di veranu

Terre di l'addisperu
Sottu à lu celu neru
Zappà!

Com'è morsu di tenaglie
In lu trimendu disertu
So di ferru le muraglie
Di sta gabbia à celu apertu!

Sangue, brioni e fracassu
Longu à la notte e lu dì
Di lu suldatu lu passu
A chi scappa ferma qui!

Hà da vene quellu ghjornu
Di la sacra libertà
E l'ora di lu ritornu
Chi l'acellu hà da cantà!

Terra di lu rifiatu
À stu mondu rinatu
Amà!


Traduzione in italiano

Il canto dei pantani
Sono pianure distese
Di fangoso pantano
Dove mai s'intese
L'ucello della primavera

Terre di disperazioni
Sotto al cielo nero
Zappare!

Come morso di tenaglie
Nel tremendo deserto
Sono di ferro le muraglie
Di questa gabbia a cielo aperto!

Sangue, grida e fracasso
Lungo la notte e il dì
Del soldato il passo
A chi scappa uccide qui!

Ma verrà quel giorno
Della sacra libertà
E l'ora del ritorno
Che l'uccello canterà!

Terre del rifiato
À questo mondo rinato
Amare!



Racconto inviato da: Ghjuvan Ghjaseppu Franchi