POESIE - EMILIA ROMAGNA
Amarcord

Dialetto: Emilia Romagna

Amarcord
Dialetto di Reggio Emilia

Mezdé sunèe: «es vèd bàleer la vècia»
a la randa dal soul souvr'al furmèint...
un falchètt al fà l'ànzel e a's ghe spècia
a èli avèrti fèir'm in sém al vèint.
A cò dal bzòl a gh'è la quèrsa granda,
e l'òmbra la se sleerga in mèzz al fèin...
la sigheela lasò, tra gianda e gianda,
la sfrèiga int l'òura chèlda i sòo cantèin!
Lòng al sintèr a cgnòss 'na funtanèina:
un òc d'argijnt ch'el guerda 'd sòtt al fràsch...
la m'aspèta ànch incòo la «sgarzulèina»,
e intànt la tòos sò l'aqua con al fiàasch...
L'ée 'na svépra salvadga, l'ée spetnèda,
però l'ée bèla come i sòo vijnt àn...
e cm'a la 'm vèd, la scàpa ed gran vulèda
per feeres pò ciapèr lé pòoch lùntan.
La còrr sò pr'al sinteer, e con 'na scusa
la 's vòlta indrèe, la réd con di squasèin,
egh trèm la vòus, la lànsa un pò confusa
l'òmbra 'd la quèrsa e l'udòur 'd fèin!...
... Ricòrd... ricòrd ed 'na stagiòun pàseda
ch'i'm dìsen «Tòurna, tòurna fin ché sò,
a t'aspetòm, et cgòss incòr la streeda,
vijn a càtèer un pcòun 'd la giuventò!».
E mè, che ormai a j'ò méss sò la pansa,
la tèsta grisa e con un pò d'àfan,
a sòun turnèe lasò, con la speransa
d'arnuvèer un ricòrd dòp a treint'àn...
La piana dal furmèint adèss l'ée in sèlda...
a'l fèelch e gh'à pinsèe un quèlch casadòur...
la funtana csé frèsca int l'òura chèlda
e l'à guastèeda i céngol di tratòur...
In sém al bzòl an gh'é gnàn piò la quèrsa:
'na chèeva ed tèra ròsa a gh'ò catèe...
'na frijda sangunèinta, acsé spèrversa,
còn un spulvràas che 'l fà rèster al fièe!
E lée?... chisà 'n do' l'ée la «sgarzulèina»...
però l'é 'd mèj che 'm la ricòrda acsè:
quànd col fiàasch, in pè a la funtanèina,
la m'aspetèva int l'òura dal mezdé!
Ricòrd... ricòrd ed 'na stagiòun pàseda
per mé... per lèe... e ch'i s'en pèrs lasò...
a ghé armèes sòul la pòulvra ed la càreda
e l'àscra d'un istèe che 'n tòurna pjò!



Traduzione in italiano

Mi ricordo


E' l'ora del meriggio: «la terra freme in vapori fumiganti»
sotto la sferza del sole sul frumento...
un falchetto fa l'angelo e vi si specchia
ad ali aperte librandosi nel vento.
Sulla cima del poggio c'è la quercia grande,
con l'ombra che si allarga in mezzo al fieno...
la cicala lassù, tra ghianda e ghianda,
d'ali un violino caldo, un suono pieno!
Lungo il sentiero, so una fontanella:
un occhio d'argento che guarda di sotto le frasche...
mi aspetta ancor oggi la «forosetta»,
e intanto attinge l'acqua con il fiasco...
E' d'una vivacità selvaggia, è spettinata,
però è bella come i suoi vent'anni...
e, come mi vede, fugge di gran volata
per farsi poi piagliar lì poco avanti.
Corre su pel sentiero, e con 'na scusa
si volge indietro, ride e il corpo freme appieno,
le trema la voce, ansima un po' confusa
e poi, l'ombra, la quercia e l'odor del fieno!...
... Ricordi... ricordi di una stagione andata
che mi dicono «Torna, torna fin quassù,
ti aspettiamo, conosci ancor la strada,
vieni a ritrovare un po' di gioventù!».
Ed io, che ormai ho messo su la pancia,
la testa grigia e con un po' d'affanni,
son tornato lassù con la speranza
di rinnovare un ricordo dopo trent'anni...
La piana del frumento adesso è incolta...
al falco hanno pensato i cacciatori...
la fontana così fresca nell'ora calda e
l'han guastata i cingoli dei trattori...
Sul poggio non c'è neanche più la quercia:
una cava d'argilla rossa ci ho trovato...
una ferita di sangue, così oscena,
con un polverone da cavare il fiato!
E lei?... chissà dov'è la «forosetta»...
però è meglio che me la ricordi così:
quando col fiasco, accanto alla fontana,
mi aspettava intorno al mezzodì!
Ricordi... ricordi di una stagione andata per mé...
per me... per lei... che ormai siamo svaniti, ormai lassù...
c'è rimasta soltanto la polvere della carraia
e il groppo di un'estate che non vien più!

Racconto inviato da: Luigi Ferrari Ermanno Bartoli