POESIE - CORSICA
U lamentu di Cursichella
Poesia del grande poeta corso Pampasgiolu.
Dialetto: Corsica

U lamentu di Cursichella
Cursichella sfurtunata
mamma di tanti figlioli
sarai prestu abandunata
si qualchi rimediu ùn trovi
per tene vicino a te
i to frutti vecchji e novi

Tutti li to figliulacci
partenu a circa furtuna
ùn hai più conti a facci
ne menu speranza alcuna
al menu che t'ùn t'adopre
di a pastoghja o di a funa

Si ne vanu a lu strangeru
cume veri spatriati
di te ùn hanu più penseru
ne induv'elli so nati
quelli valorosi corsi
per a patria sacrificati

Chi ne penserà Sampieru
De Paoli o Sambucucciu
videndu chi lu s'imperu
hè miniciatu à di per tuttu?
a ruvina hè generale
e smarisce fondu e fruttu

Ùn ci hè più corsi di sanna
ùn ci hè che scarti di natura
di la so povera mamma
soca ùn hanu più primura
ma la vergogna hè per elli
s'ella more di malcura

Facciu un ardente preghera
e la mandu à a santa stella
s'ellu ci fosse manera
chi per avà s'hè zitella
d'allunga un pocu la vita
a la nostra Cursichella

Qui finiscu u miò lamentu
chi troppu male mi face
mi scappa guasi lu pientu
ne soffru e po' mi dispiace
che tu campi o Cursichella
'ncu u riscantu in pace



Traduzione in italiano

Il lamento di Corsichella* (*affettuoso nomignolo dato dai corsi alla loro isola)
Corsichella sfortunata
mamma di tanti figlioli
sarai presto abbandonata
se qualche rimedio non trovi
per tenere vicino a te
i tuoi frutti vecchi e nuovi

Tutti i tuoi figliolacci
partono a cercare fortuna
non hai più conti da farci
nemmeno speranza alcuna
al meno che tu non ti adoperi
dell'impastoia o della fune

Se ne vanno a l'estero
come veri espatriati
di te non hanno più pensiero
ne di dov'egli sono nati
quelli valorosi corsi
per la patria sacrificati

Che ne penserà Sampieru,
De Paoli o Sambucucciu*
vedendo che il loro impero
è minacciato da per tutto
la rovina è generale
e smarisce fondo e frutto

Non ci sono più Corsi d'un pezzo
Non ci sono che scarti di natura
della loro povera mamma
forse non hanno più premura
ma la vergogna è per loro
s'ella muore di malcura

Faccio un ardente preghiera
e la mando alla santa stella
se ci fosse maniera
per ora s'ella è fanciulla**
d'allungare un poco la vita
alla nostra Corsichella

Qui finisco il mio lamento
che troppo male mi fà
mi scappa quasi il pianto
ne soffro e poi mi dispiace
che tu viva o' Corsichella
con il riscatto in pace

* Figure storiche nella Storia dell'isola

** casta, pura







Racconto inviato da: Pampasgiolu