POESIE - CALABRIA
Canzunedha a la diverza
Questa è un'altra versione di "Canzonetta alla rovescia", si trova nel libro "Canti e Cunti" raccolti dal dottor Nino Germanò (1900-1985) per molti anni medico condotto in quel di Scido e Santa Giorgia in provincia di Reggio Calabria. La sua motivazione per questo libro fu la sua paura che il dialetto e la tradizione orale dei nostri paesi si andava via via perdendo. Questa variazione è nel dialetto scidese.
Dialetto: Calabria

Canzunedha a la diverza

Sacciu na canzunedha a la diverza,
e a la diverza la vogghju cuntari.
Vitti na castagnara, ed era cerza,
vorzi mu nchianu supra a dhi ficari.
Llongai la manu mu sciuppu dui puma,
m'arriva lu patruni di li vigna:
-O latru, chi m'arrobi li me' pruna,
tutti ti li cogghisti chisti pigna!
Mi mina cu na petra 'nda 'n garruni,
lu sangu mi curria di li costati;
curriti cu tovagghji e muccaturi,
lu sangu di lu nasu 'u mi stujati.




Traduzione in italiano

Canzonetta alla rovescia

Conosco una canzonetta alla rovescia,
e alla rovescia la voglio raccontare.
Vidi un castagno ed era quercia
e volli salire su quei fichi.
Allungai la mano per cogliere due mele,
ma arriva il padrone della vigna:
-O ladro che rubi le mie prugne,
hai colto tutte le mie pigne!
Mi tira una pietra sul tallone,
il sangue mi scorreva dal costato;
correte con tovaglie e fazzoletti,
dal mio naso il sangue asciugate.

Racconto inviato da: Silvana Rechichi