POESIE - CALABRIA
Lu pacciu pe la guerra
Poesia scritta dal rev. Antonino Frisina, nato a Paracoriu, Delianuova (RC) nel 1832. Per tanti anni insegante elementare. Morì nel 1917.
Dialetto: Calabria

Lu pacciu pe la guerra

Tutti quanti li perzuni,
d'ogni cetu e d'ogni rrazza,
fannu elogi a la ragiuni,
comu fussi na cosazza!
Ma fra tutti sulu a mia
piaci mejgghiu la paccia.

Quantu è bellu se la testa
vota comu nu palorgiu!
Quandu vota, fazzu festa,
va la vita e non m'accorgiu.
Ed allura jeu non sacciu
se su saviu o se su pacciu.

Chista vita è vera tana
di doluri e patimenti:
e cu nd'havi menti sana,
li doluri, jchiù li senti;
ma cu nd'havi la paccia
stavi sempri in allegria.

O paccia, cumpagna amata,
venitindi a la mè menti;
dunancilla na votata,
pemmu vivu allegramenti:
fa' nemmenu pemmu sacciu
se su saviu o se su pacciu.


Traduzione in italiano

Il pazzo per la guerra

Tutte quante le persone,
di ogni ceto e di ogni razza,
fanno elogi a la ragione
come se fosse cosa chissà ché.
Ma fra tutti a me soltanto
piace meglio la pazzia.

Quanto è bello se la testa
gira e volta come trottola!
Quando gira, faccio festa,
la vita passa e non me ne accorgo.
Ed allora non capisco
se son savio o se son pazzo.

Questa vita è vera tana
di dolori e patimenti:
e chi ha la mente sana,
i dolori di più li sente;
ma chi ha la pazzia
rimane sempre in allegria.

O pazzia compagna amata,
vieni, vieni nella mia mente;
dagli un tocco ed una girata,
così che viva allegramente:
Ed allora io non so
se son savio o se son pazzo.

Racconto inviato da: Silvana Rechichi