POESIE - VENETO
El giorno de la candelòra

Dialetto: Veneto

El giorno de la candelòra
Dialetto della Bassa Veronese

Ho pregà tuti i santi de la tèra
parché el Signore el lo lassesse a mi
anca a san Giuda g'ò dito na preghiera
lu, che l'è quelo on poco peregrin;
ho pianto tanto, no g'avéa più oci
a vedarlo in croçe, nel lèto inciodà,
ho fato voto de fare coi zenoci
la scala santa, fin soto a l'altar

dove se 'riva che no se g'à più fià,
dove gh'è el Cristo coi brazzi spalancà.

Ho dito, el giorno dù de febrar:
"Ancò el lunario segna la candelòra,
'ndo el proverbio l'è uso cantar
che 'de l'inverno semo bèi fora'".

"Gesù, fa che 'l me Giorgio
el torna presto a casa mia,
solévalo, na s-cianta,
almanco, da la so malatia!"

Te m'è scoltà, Signor,
a la to maniera:
dopo na note e on giorno de dolor
l'è volà in cél. L'era ormai sera.



Traduzione in italiano

Il giorno della candelora


Ho pregato tutti i santi della terra
perché il Signore lo lasciasse a me
anche a san Giuda ho detto una preghiera
lui, che è quello un po' peregrin;
ho pianto tanto, non avevo più occhi
a vederlo in croce, inchiodato nel letto,
ho fatto voto di fare coi ginocchi
la scala santa, fin sotto all'altare

dove si arriva che non si ha più fiato,
dove c'è Cristo con le braccia spalancate.

Ho detto, il giorno due di febbraio:
"Oggi il calendario segna la candelòra,
giorno in cui il proverbio usa affermare
che dall'inverno siamo ormai fuori".

"Gesù, fa che il mio Giorgio
torni presto a casa mia,
sollevalo, un poco,
almeno, dalla sua malattia!".

Mi hai ascoltato, Signore,
alla tua maniera:
dopo una notte ed un giorno di dolore
è volato in cielo. Era ormai sera.


Racconto inviato da: Lucia Beltrame Menini