POESIE - CALABRIA
Cu l'angilu mi levu
Preghiera del mattino
Dialetto: Calabria

Cu l'angilu mi levu

Cu l'angilu mi levu la matina
ndi vui Signuri vegnu pe adurari,
cu a grandi matri e ca grandi regina
di quattru cosi m'aviti a scansari:
di mala fama, di mala vicina,
di farzu testimoni e d'ogni mali.

Quandu mi levu e pijgghiu servizzu
Domine Jesu, datimi ndirizzu;
datimi ndirizzzu e santitati,
a fari i me doviri cumandati.

Vaju e m'aduru cu noshtru Signuri,
tri voti avanti chi scura lu suli.
Vaju e m'aduru cu lu Patraternu
su` liberatu di peni du'mpernu.
Vaju e m'aduru cu mamma Maria,
avanti chi sona a dimaria.

Cu tri voti a lu jornu la dirà,
a providenza i Ddiu no mancherà.


Traduzione in italiano

Con l'angelo mi alzo

Con l'angelo mi alzo al mattino,
da voi Signore vengo a pregare,
insieme a la gran madre e grande regina
da quattro cose dovete scamparmi:
di mala fama, da mala vicina,
da falso testimone e da ogni male.

Quando poi mi alzo e vado al lavoro
Signore Gesù datemi aiuto;
datemi aiuto e santità
per fare il mio dovere .

Vado a pregare nostro Signore,
tre volte prima che tramonti il sole.
Vado a pregare il Padre Eterno
per essere liberato dalle pene dell'inferno.
Vado a pregare mamma Maria,
prima che suoni l'ave maria.

Chi tre volte al giorno pregherà,
la provvidenza di Dio non mancherà.


Racconto inviato da: Silvana Rechichi