POESIE - CAMPANIA
'A Dieta
Viviamo oramai con l'incubo del colesterolo...La TV di Stato ogni giorno ci ingiunge di cambiare stile alimentare e lo fa con protervia econ metodi talebani, preconizzandoci atroci scenari se non ci metteremo a dieta...
Dialetto: Campania

'A Dieta
'a dieta
Chello c'era rummaso, 'na magnata
quatte zite arraù, dduje vermicielle,
'nu ruoto cu sacicce e friarielle,
'na còtena 'e presutto, 'na fellata...

E bbello e bbuono, no! Tutto sbagliato!
Nun se pò cchiù masgnà, posa 'e tianelle...
Da oggi in poi a dieta:duje pesielle,
fenucchie, scarulelle e 'na 'nzalata

senz'uoglio e senza sale, è naturale...
si vuò stà bbuono chesta cca è 'a ricetta.
E l'ànno ditto p''o teleggiornale
S' à dda stà a ddieta e scordate 'a purpetta...
Po' nun fa niente, o' fra', si 'mpilo 'mpilo
ce pierde 'e cerevelle assieme a 'e chile!


Traduzione in italiano

La dieta
La dieta.
Solo quello c'era avanzato, una mangiata,
quattro ziti al ragù, due vermicelli,
una teglia di salcicce e friarielli (id est cime di rape soffritte),
una cotenna di prosciutto, un affettato...
E d'improvviso, no! Tutto sbagliato..
Non si può più mangiare, lascia stare i tegami...
Da questo momento in poi a dieta:due piselli,
finocchi, tenere scarole e un'insalata
senz'olio e senza sale, è naturale...
se vuoi star bene questa è la ricetta.
El'ànno comunicato al telegiornale!
Bisogna stare a dieta e dimenticati della polpetta
Poi non interessa, fratello, se poco alla volta
ci perdi il cervello, insieme ai chili...


Racconto inviato da: Raffaele Bracale