POESIE - CAMPANIA
Viernu fenisci e Primavera vene

Dialetto: Campania

Viernu fenisci e Primavera vene
Dialetto di Morra De Sanctis (Avellino) Alta Irpinia

Oi néveca, dumani ngè lu solu,
malatizzu cumm'è lu tiémbu
te può piglià na malatia,
ma ognunu s'azzarda a gghi mmièzz'a la via,
ca pare fèsta doppu a tanda squrja.
Lu chiatru de re puzzacchie crepetéja,
stizzelene li pisciliddri
appisi a li curniciuni,lu sangu s'arruéglia
e la vicchiarèddra sènde chiù li duluri.
La tèrra métte na peluria vérda
e la guagliotta già addummanna lu cuculu:
«Cuculu e cuculannu
ca candi ngimma a ssà vita,
pe quand'anni haggia stà zita?
Li sauchicchi frischi sò già appisi
e lu vinu puru è già ammuttatu,
ma nun ngè chi se lu véve
pecché l'uommeni sò tutti emigrati.
Fore, a unu a unu, scocchene li fiuri
e lu cambagnuolu tochela la capu apprenziunatu:
«Avéssa jlà n'ata vota?» Dici a la muglièra.
Tiémbu è arruatu puru pe lu staggiunalu
de turnà a la Svizzera;
da vind'anni, prima d'arruà re rundinèlle,
piglia la valigia e se ne vai lundanu.
A casa nu lu cunosci chiù nisciuni:
dui misi a l'annu e po' se n'adda ine;
li figli r'è crisciutu la muglièra
e nun s'è data mai a sendine.
Nu juornu, quannu lu maritu pigliarrà la penziona,
turnarrà a la casa e starranne sèmbe nziéme,
vicchiariéddri, nnandi a lu cacciafumu
se cundarranne li fatti
ca nun s'hanne pututu cundà prima.
Mò, puru lu figliu se ne vole j l'annu chi vène,
accussì nun se spèzza mai la caténa.
S'assuca la puverèddra l'uocchi nfussi
mènde prepara re valici a lu maritu:
sul'éddra sape quéddru ca dind'a lu coru tène,
quannu viérnu fenisci e primavèra vène.


Traduzione in italiano

L'Inverno finisce e viene la Primavera



Oggi nevica, domani c'è il sole,
malaticcio com'è il tempo
ti puoi prendere una malattia,
ma ognuno si avventura ad’uscire sulla strada,
perché sembra festa dopo tanto buio.
Il ghiaccio delle pozzanghere crepita,
i ghiaccioli gocciolano
dai cornicioni,il sangue si sveglia
e la vecchietta sente di più i dolori.
La terra mette una peluria verde
e la ragazza già chiede al cuculo:
"Cuculo e cuculannoche canti sopra questa vite,
per quanti anni debbo rimanere zitella?"
Le salsicce fresche sono già appese
e il vino è pure già imbottato,
ma non c'è più chi lo beve
perché gli uomini sono tutti emigrati.
In campagna, ad uno ad uno, sbocciano i fiori
e il contadino scuote il capo con apprensione:
"Che non geli di nuovo?" dice alla moglie.
È arrivato anche il tempo per lo stagionale
di ritornare in Svizzera;
da venti anni, prima che arrivano le rondini,
prende la valigia e se ne va lontano.
A casa non lo conosce più nessuno:
due mesi a l'anno e poi deve andare;
i figli li ha cresciuti la moglie
e non ha suscitato mai una diceria.
Un giorno, quando il marito prenderà la pensione
tornerà a casa e staranno sempre insieme,
vecchietti, davanti al camino,
si racconteranno i fatti
che non hanno potuto raccontarsi prima.
Ora pure il figlio se ne vuole andare l'anno prossimo,
così non si spezza mai la catena.
La poveretta si asciuga gli occhi bagnati
Mentre prepara le valigie al marito:
solo lei sa quello che tiene nel cuore,
quando finisce l'inverno e viene primavera.

Racconto inviato da: Gerardo Di Pietro