POESIE - PIEMONTE
Al me pugiulin

Dialetto: Piemonte

Al me pugiulin

Fora dal mé pugiò l’era piantà
un glicin che, pian pian,l’ha rampegà
e l’ha furmà ‘na speci d’umbrelon
cl’umbregiava , ben ben, tutt’al balcon.

Una pultruna comoda l’é là
c’la invita sulament a ripusà
intant sui pianti, suta, in tal giardin,
cantan, matina e sera, i passarin.

L’è un sitin propi pien da puesia
anca sal fa ‘gnì ‘n po’ d’malincunia
e quanti, quanti volti mi ho sugnà,
cunt’un giurnal in man, da setam là!

M’han riciamà e son stai via tri ann
ma pur in mess d’la guera e tuti i afann,
ultra che a la mè dona e ai mè fiulin,
sempar pensavi a cul bel balcunin.

E quand son riturnà, stracch e avilì
tutt, cume prima, l’era ancura lì:
al glicin l’era in fiur e i passarin
avean fai tanti nid in tal giardin!

Iin pasà tanti ani e, ogni stagion,
l’è fiurì e poeu sfiurì tutt’al balcon
e,anca par nun, la vita l’è pasà
in mess a gioi ma anca aversità …

E l’altra sera, ècu, finalment
d’andà fora ho decis, sul un mument:
ma ‘l glicin l’era mort, l’era secà…
e mai ‘na volta, mai,là im son setà


Traduzione in italiano

Il mio balconcino

Fuori dal mio balcone era piantato
un glicine che, pian piano, si è arrampicato
ed ha formato una specie di ombrellone
che ombreggiava, ben bene, tutto il balcone.

Una poltrona comoda è là
che invita solamente a riposare
intanto, sulle piante, sotto, in giardino,
cantano, mattina e sera, gli uccellini.

E’ un posticino proprio pieno di poesia
anche se fa venire un po’ di malinconia
e quante, quante volte io ho sognato,
con un giornale in mano, di sedermi là!

Mi hanno richiamato e sono stato via tre anni
ma, pure in mezzo a tutti gli affanni della guerra,
oltre che alla mia donna e ai miei bambini,
sempre pensavo a quel bel balconcino.

E quando sono ritornato, stanco e avvilito,
tutto, come prima, era ancora lì:
il glicine era in fiore e gli uccellini
avevano fatto tanti nidi nel giardino.

Sono passati tanti anni e, ogni stagione,
è fiorito e poi sfiorito tutto il balcone
e anche per noi la vita è passata
in mezzo a gioie ma anche avversità…

E l’altra sera, ecco, finalmente,
di andar fuori ho deciso, solo un momento:
ma il glicine era morto, era seccato…
e mai una volta ancora là mi sono seduto!

Racconto inviato da: Enzo Villa