POESIE - CALABRIA
Rimiru, rimirandu

Dialetto: Calabria

Rimiru, rimirandu

Rimiru, rimirandu, rimirai:
di na fineshtra s'affacciaru ddui;
La picciula mi dissi: "A undi vai? Dimmi cu j'è jcchiù bella di nu ddui".

-"Vui siti bella, e siti bella assai,
e voshtra soru e` jcchiù bella di vui".

Ffaccia so' mamma e mi ringrazia assai:
"Giuvani, mi vantasti tutti i ddui;
se vvoi amuri pijgghiatindi assai,
pijgghiati a quali voi di tutti i ddui".

-"Jeu non di vojgghiu no pocu e no assai, ca non fannu pe mia nuja di ddui".



Traduzione in italiano

Rimiro, rimirando rimirai

Rimiro, rimirando, rimirai:
da una finesta si affacciaron due;
La piccola mi chiese: "Dove vai?
Dimmi chi è la più bella di noi due".

-"Voi siete bella, e siete bella assai,
e vostra sorella è bella più di voi".

Si affaccia la mamma e mi ringrazia assai: "Giovanotto, mi vantaste tutte e due e se hai bisogno di amore prendine quanto ne vuoi, puoi scegliere una delle due".

-"Non ho bisogno di molto e ne di poco perche` nessuna delle due è adatta a me".






Racconto inviato da: Silvana Rechichi