RACCONTI - CALABRIA
Giacchinu
Il racconto di un tale che fino a la sua morte credette di aver visto "Le Anime del Purgatorio".
Dialetto: Calabria

Giacchinu
Nc'era na vota uno chi si jchiamava Giacchinu chi lavurava nta campagna. Nto misi i maggiu tornava a casa jchiù tardu percchì i jornati jivinu a llongari e soi cerasi jivinu a maturari e s'accorgiu ca se nno stava attentu nci jivinu a mancari.
Nu jornu co suli nd'havia calatu i bravu tempu, si lavau i mani, si mbiviu l'urtima goccia i vinu e ncuminciau u si ndi torna pa casa quando ncignau u sona l'urtima 'Dimaria'.
U vijolu era shtrittu e caminava jchianu, jchianu però quandu rrivau nto shtratuni a luna ni faciva luci e potiva caminare jcchiù a sverta.
Quandu rrivau "O Carvariu" ntisi nu rrumuri shtrambu, comu pezzi i ferru chi facivinu scrusciu. Arrijcchiau e u rrumuri si faciva a sentiri jchiù forti.Penzava ca nc'era na forgia ja vicino ma poi si ricordau ca nti ju postu non vitti mai una.
U rrumuri veniva du voscu e pariva nu fracassu. I pochi capiji chi nci rrestaru n'testa nci rrizzaru comu jchiova. Sudandu si mmucciau a facci e dissi "animi santi du Purgatoriu!" e catti n'terra. Com'era quasi senza senzu, vitti tri fili d'umbri chi nci parianu i malispiriti, cercau u si faci a cruci pemmu faci u sindivannu non ci ha fici e sveniu du tuttu.
Pe quantu tempu steppi nterra no seppi mancu iju, quandu j'apriu l'ojcchi tuttu u mundu era carmu si sentivinu sulu i ceji da notti. Si levau, si fici a cruci e jiu u si nginojcchia "o Carvariu" e pregau o Signuri ca u scampau di malispiriti; e nci promettiu ca nci dici na missa pe l'animi du Purgatoriu.
Cu trematò nta ll'anchi rrivau a casa. Pe jornati e jornati nto paisi si parlava comu l'animi du Purgatoriu nci cumpariro a Giacchinu. E ogni vota chi cuntava a storia, tremava e perdiva a vuci. Moriu vejcchiu e non seppi ca a chiji tempi i cundannati chi venivinu portati i nu carciru a nn'atru e ncatinati unu cu n'atru, caminavinu i notti e suttu a guardia stavinu mmucciati nto voscu duranti o jornu pe nommu i vidinu i genti.


Traduzione in italiano

Gioacchino
C'era una volta un uomo di nome Gioacchino, contadino di professione. Durante il mese di maggio si indugiava in campagna per via delle giornate che andavano allungandosi e per controllare che nessuno gli rubasse le ciliegie che incominciavano a maturare.
Un giorno tardò più del solito e si decise di tornare a casa quando il sole era calato da un pezzo. Si lavò le mani, bevve l'ultimo sorso di vino che gli era rimasto e prese la via di casa quando già suonava l'ultima "Ave Maria". Il viottolo era stretto e doveva camminare lentamente ma arrivato sulla strada maestra la luna gli faceva luce e gli permetteva di camminare più in fretta. Arrivato al "Calvario" sentì dei rumori strani come pezzi di ferro percossi lievemente insieme. Orecchiando notò che il rumore si sentiva ancora più forte. Gli venne in mente che forse c'era una bottega di fabbro nelle vicinanze, ma si ricordò che in quel posto non c'era alcuna.
Il rumore veniva dal bosco ed era diventato più assordante. I pochi capelli che gli erano rimasti in testa gli rizzaroro come chiodi. Sudando si nascose il viso tra le mani e disse "Anime Sante del Purgatorio!" e cadde per terra. Stava quasi per impazzire quando si accorse di vedere tre file di ombre silenziose che gli parevano fossero dei fantasmi, cercò di fare il segno della croce ma non ci riuscì e svenne del tutto per la paura.
Per quanto tempo rimase a terra svenuto non si è mai saputo, aprendo gli occhi tutto attorno era quiete e pace, si sentivano soltanto i lamenti degli uccelli notturni. Alzatosi, si fece il segno della croce e andò ad inginocchiarsi al "Calvario" e pregò il Signore e lo ringraziò per averlo scampato dall'imminente pericolo e fece voto di dire una messa per le "Anime in Purgatorio". Con le gambe ancora tremanti si avvio` verso casa.
Per giorni e giorni in paese non si parlava d'altro che l'incontro di Gioacchino con le "Anime del Purgatorio". Ed ogni qual volta che raccontava questa storia, tremava e perdeva la voce dalla paura.
Morì vecchio ma non venne mai a sapere che a quei tempi i carcerati che venivano trasferiti, venivano incatenati gli uni con gli altri e li facevano camminare durante la notte per non essere visti dalla gente.

Racconto inviato da: Silvana Rechichi