POESIE - VENETO
Fiolo Ingrato
Dialetto Vicentino
Dialetto: Veneto

Fiolo Ingrato

Te go cuna', zorno e note
par ti go canta' nenie e nenie ininterote,
te go da' un core come el mio
co tanto dolore, ma co tanto amore!
I to oceti pur cossi' bei, che de porsellana i parea quei,
solo pianser i savea e, el parche', mai se ga savudo,
ne'invocando tuti i Santi, ne' invocando el San Bepi.
Dopo, ti, fra pianti e pianti,piu' cressudo te te ghe trova',
ma el to pianto te ghe cambia' in un canto ben diverso.
Te ghe continua' par ani e ani, a lacrimar,
che la to mama, tante e tante volte, ga tenta'de sugar,
e i to soli desideri de apagar.
Finche', un zorno, triste e sola, al to destin te ga lassa',
parche' solo, avarissia e egoismo i xera dentro al to cor,
e scassa' i gavea l'amor.
Fiolo ingrato, cosi'te ghe lassa', che la to mama,
la se ne andasse,la to mama che tuto la te gavea da',
e a se',solo,ormai la ga pensa',savendo che nel to cor,
posto piu' no ghe xera,par un po' d'afeto e un pocheto d'amor.
Sto qua, no lo podaro' scordare mai, e altro ancora ricordaro'
quando la to man brutal, se ga alsa',
contro chi da sola,gaveate tanto ama'!


Traduzione in italiano

Figlio Ingrato

Ti ho cullato giorno e notte,
per te ho cantato nenie e nenie ininterrotte,
t'ho dato un cuore come il mio
con tanto dolore ma con tanto amore!
I tuoi occhi, pur così belli,
che di porcellana parevan quelli,
solo piangere sapevan e,il perché mai lo si seppe,
né invocando tutti i Santi, ne invocando San Giuseppe!
Dopo tu, fra pianti e pianti,più cresciuto ti trovasti,
ma il tuo pianto trasformasti in un canto ben diverso.
Continuasti anni e anni sempre e sempre a lacrimar,
che la tua mamma, tante e tante volte
ha tentato di asciugar,
e i tuoi soli desideri di appagar.
Finché un giorno, triste e sola, al tuo destino ti lasciò,
perché solo avarizia ed egoismo eran dentro
al tuo cuor,
e scacciato avean l'amor!
Figlio ingrato, così hai lasciato che la tua mamma
se ne andasse,la tua mamma, che tutto a te aveva dato
e a sé, solo, ormai avea pensato,sapendo
che nel tuo cuor
posto più non c'era, per un po'd'affetto
e un po' d' amor,
Questo, mai scordare lo potrò e altro ancor ricorderò,
quando la mano tua brutal s'alzò,
contro chi da sola sempre aveati amato!

Racconto inviato da: Gemma Bertoncin - Montebello