POESIE - SICILIA
Sira di maju
Scritta nella giovinezza,quando ogni donna per me era un profumo di fiori.
Dialetto: Sicilia

Sira di maju

Rosa sbucciata 'n mezzu ri li spini,
rigina ri lu jardinu 'n primavera,
tutti li ciuri, ca sunu vicini
restunu suspirannu lu to' amuri.
Quannu la notti, ccu lu scuru velu
tuttu ri stiddi 'nbrillanta lu celu,
lu ventu friscu ri l'unnata rizza
stricannusi, ti vasa e t'accarizza.
Com'ju fici lu stissu'ntra rusaju
ccu lu me' amuri... 'na sira ri maju.



Traduzione in italiano

Sera di maggio

Rosa sbocciata in mezzo a delle spine,
regina del giardino in primavera,
tutti i fiori, che sono vicini
restano sospiranndo il tuo amore.
Quando la notte, velata di scuro
tutta di stelle fa brillare il cielo,
il vento fresco dell'onda riccia
strofinandosi, ti bacia e ti accarezza.
Come io feci lo stesso dentro un rosaio
con il mio amore... una sera di maggio.


Racconto inviato da: Paolo Campisi