POESIE - MARCHE
U dulore più grosso
E‘ la rilettura di un ricordo della primissima infanzia ormai sepolto. Complici il gioco di luci ed ombre creato dalle finestre accostate e dai profumi dell’aria estiva, ritorna alla memoria il viso della madre e la sua espressione assume un altro significato.
Dialetto: Marche

U dulore più grosso

Sarrà stato ‘llu scuro ‘m po’ ‘ccustato
per chiude fora u sole e fa frescura,
sarrà stato ‘llu raggio ‘mpurverato,
che bbuccaa preputente dr’a fessura,

sarrà state quell’ombre un po’ ruffiane
che galleggiaa stracche su pr’i muri,
sarrà stato u respiro dr’e perziane
che mmischiaa svampatelle de prufumi,

sarrà stato per quesso? Io n’u so,
ma u pensiero è rturnato a fanciullezza
e ntru ‘llu specchio lì sopre u cumò
ciò rvisto a mamma in piena giuinezza.

S’era datta u ruscetto ‘llu menuto,
e cu ‘na mà’ se ‘ccummedaa i capelli,
era bella ma c’ea u sguardo scuro,
lia che c’ea sempre l’occhi ridarelli.

E ntru ‘llu specchio, lì, s’u piguletto:
io, c’a faccetta tutta slagrimata,
mango bbadao che c’eo u mucciuletto,
solo penzao ma quella schiapparata.

Cas’eo fatto? Chi su recorda più!
Ma me recordo ancora a mà’ de mamma,
me rsento ancora e lagrime a dù’ a dù’,
e a penetta che c’eo p’ra vergogna.

Era ‘na nuità, mai m’ea tuccato,
‘lla vò’ però…j’era scappata via.
L’occhi u dicea se cò’ j’era custato.
Adè’ ru so: piagnea pure lia!



Traduzione in italiano

Il dolore più grande

Sarà stata l’imposta interna della finestra un po’ accostata
per chiudere fuori il sole e fare fresco,
sarà stato quel raggio di sole impolverato
che entrava prepotente dalla fessura,

saranno state quelle ombre accattivanti
che galleggiavano stanche per le pareti,
sarà stato il respiro delle persiane
che portava ondate di profumi,

sarà stato per tutto ciò? Io non lo so,
ma il pensiero è ritornato alla fanciullezza
e nello specchio lì sopra il cassettone
ho rivisto mamma nello splendore della giovinezza.

Si era data il rossetto sulle labbra proprio in quel momento
e con una mano si accomodava i capelli,
era bella ma aveva lo sguardo tetro
lei che aveva sempre gli occhi sorridenti.

E in quello stesso specchio in un angolo
c’ero io col visetto pieno di lacrime,
non facevo neanche caso al moccio
pensavo soltanto a quella sculacciata.

Che cosa avevo fatto ? Chi se lo ricorda più!
Ma mi ricordo ancora la mano di mamma,
ricordo ancora le mie lacrime che scendevano a due a due,
e il magone che avevo per la vergogna.

Mai mi aveva dato una sculacciata,
quella volta però…le era scappata via.
Gli occhi dicevano che cosa le era costato.
Adesso lo so: piangeva anche lei.


Racconto inviato da: Maria Teresa Bonifazi