RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
La parabula del feil prodigo
Questo testo è in dialetto dalmatico, parlato nella regione della Dalmazia.
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

La parabula del feil prodigo
E el daic: Jun ciair jumno ci aveja doi feil e el plè pedlo de luoro daic a soa tuota: Tuota duotem la puarte de moi luc che me tuoca, e jul spartati tra luoro la sostuanza e dapù pauch dai, mais toch indajui el feil plè pedlo andaita a la luorga, e luoc el dissipuat toich el suo, viviand malamiant.
Mua el ju venait in se stiass, daic:
Quinci jumni de jurnata
Cn cuassa da me tuota i ju bonduanza de puan e cua ju muor de faum.


Traduzione in italiano

La parabola del figliol prodigo
Ed egli disse: Un certo uomo aveva due figli ed il più piccolo di essi disse a suo padre:
Padre datemi la parte dei beni che mi tocca, ed egli spartì tra loro la sostanza e dopo pochi giorni, messa insieme ogni cosa, il figlio più piccolo andó lontano, e ivi dissipò tutto il suo, vivendo malamente.
Ma un giorno venne e, tornato in se stesso, disse:
Quanti mercenari in casa di mio padre hanno abondanza di pane e qua io muoro di fame.

Racconto inviato da: Felipe Levorato