POESIE - LOMBARDIA
Ogni tant capita
Non è una poesia anche se è messa in rima. Manca di romanticismo, ma è' una descrizione di ciò che può essere il risveglio di una donna che lavora. Penso che sia una filastrocca per le donne attive e talvolta stanche.
Dialetto: Lombardia

Ogni tant capita

Che moment brutt che l'è quest chi!
Son dree pensaa de 'nda a famm benedì.
Gh'è nò ona roba che la vada minga stòrta
son straca, ciapada, a bolletta e smorta.

Possibil che ai alter la ghe vada semper ben?
In tucc bej luster, san como i pess e pien.
Gh'hann i danee, el can, el gatt e i fiò campion,
gh'hann el temp de 'nda a spass e de romp i marron.

Ma mi, levi su ai ses'or, bevi el caffè in pee
e in de l'altra man gh'ho el sgtrasc per fa i mestee.
Pisi la television per vedé se gh'é success
e poeu cori in bagn a stend i pagn e al cess.

E intant cont'on'oregia senti la television
ma fò balaa l'oeuc, per netà in d'on quei canton.
Moeuvi i man a la svelta perchè l'è quasi l'ora
e intan dò ona sbirciada se gh'è i ragnatel de sora.

Camini come on gatt per minga sveglià i fiò
ma ciapi on bell topich e quasi borli giò.
Dervi la finestra, tiri su i coert, poeu lavi i dent
me manca ammò la polver e netà i paviment.

Fumi la sigaretta, intan pasi el stras in terra,
la television la dis che gh'é sciòpa ona guerra.
Ma ho capii nò in doe l'é...domanderò in ofizi.
Gh'é apéna pasaa on'ora! Riposerò all'ospizi?


Traduzione in italiano

Talvolta succede

Che momento brutto che è questo qui!
Stò pensando di andare a farmi benedire
Non c'è una cosa che non vada storta
sono stanca,impegnata, in bolletta e pallida.

Possibile che agli altri vada sempre bene?
Son tutti tirati a lucido,sani come pesci e sazi.
Hanno soldi, il cane, il gatto e i figli campioni,
hanno il tempo di andare a spasso e di rompere i marroni.

Ma io, mi alzo alle sei, bevo il caffè in piedi
e nell'altra mano ho lo straccio per fare i mestieri,
Accendo la televisione per vedere cosa è successo
e poi corro in bagno a stendere i panni e al cesso.

E intanto con un orecchio sento la televisione
ma faccio ballare l'occhio per pulire qualche cantone.
Muovo le mani in fretta perchè è quasi l'ora
e intanto dò una sbirciata se ci sono ragnatele di sopra.

Cammino come un gatto per non svegliare i figli
ma inciampo in qualcosa e quasi cado a terra.
Apro la finestra, tiro su le coperte poi lavo i denti
mi manca ancora la polvere e pulire i pavimenti.

Fumo la sigaretta, intanto passo lo straccio per terra,
la televisione dice che è scoppiata una guerra.
Ma non ho capito dove... m'informerò in ufficio.
E' appena passata un'ora! Riposerò all'ospizio?



Racconto inviato da: Loredana Moroni