POESIE - LOMBARDIA
La Lumaga
La filastrocca della lumaca serve per allacciarsi alle fatiche talvolta esagerate che si devono compiere per la casa. Ma sarà davvero necessario tutto quello che pretendiamo?
Dialetto: Lombardia

La Lumaga

Gira de chi, gira de là
la lumaghetta la gh'ha a dree la caa.

La gh'ha pensaa propri ben la natura,
a dagh la caa della sua misura.

Tiràla a dree la fa tanta fadiga,
gh'è nò pericol che la ghe scarliga.

Vorisom tucc podé fa come lee,
anca perché ghe voeur minga danee.

Pasomm la vita a mett su i quadrei,
pecaa che i alter ghi hann pusè bei.

Dervomm on prestit che l'è centenari,
roba de 'nda finì in gamb in l'ari.

Quand che l'è fada, l'é minga finida,
cont i soo tass te set benedida.

Ghe voeur tri bagn, tinello e salòtt,
e d'utumann ghe ne voeur sett o vòtt.

Pecaa che ti te set mai li a doprala,
te sgòbett m'on negher per podé pagala.

Te aumentet i our, te fee straordinari,
e per vess liber gh'é minga de orari.

"Pensigh su ben!Che la ghe voeur tutta,
eren a see trii casset de la frutta"

"On lett per dormì, on taol per mangiaa
e ona sdraietta per podè riposaa".

"Ma che figura!...La gent se la diis!"
E allora ti sgòba e pérd el soriis.

La caa l'è nò fada de sass e quadrei,
ma de quater ossit con dent i cinivei.



Traduzione in italiano

La Lumaca

Gira di qui, gira di là,
la lumachina porta dietro la casa.

Ci ha pensato proprio bene la natura,
a dargli la casa della sua misura.

Tirarla dietro fa' tanta fatica,
non c'è pericolo che scivoli via.

Vorremmo tutti poter far come lei,
anche perchè non ci vogliono soldi.

Passiamo la vita a metter su mattoni,
peccato che gli li han sempre più belli

Apriamo un mutuo che è centenario
roba da finire a gambe per aria.

Quando è fatta, non è finita,
con le sue tasse sei già benedetta.

Ci voglion tre bagni,tinello e salone
e di divani ce ne vogliono sette o otto

Peccato che tu non ci sei ad usarla
sgobbi come un negro per poter pagarla.

Aumenti le ore, fai straordinari,
e per essere libero non ci sono più orari.
"Pensaci bene! Che ci vuole tutta,
erano abbastanza tre cassette della frutta.
Un letto per dormire,un tavolo per mangiare ed una sdraietta per riposare"

"Ma che figura! La gente cosa dice..."
e allora tu sgobba e perdi il sorriso.

La casa non è fatta di sassi e mattoni
ma di quattro ossicini con dentro il cervello.

Racconto inviato da: Loredana Moroni