POESIE - LAZIO
Er don Giovanni

Dialetto: Lazio

Er don Giovanni

Co’ l’occhi sempre a caccia de ‘na gonna,
gira lo sguardo come ‘n periscopio.
Nun je scappa gnisùno che sia donna..
je fa le lastre co’ strumento propio!

Ossessionato da ‘sta bramosìa,
pronto a gettasse sulla pecorella,
s’aggira come un lupo, pe’ la via,
nun se sarva gnisùna..brutta o bella!



Traduzione in italiano

Il don Giovanni

Con gli occhi sempre a caccia di una gonna,
gira lo sguardo come fosse un periscopio.
Non gli sfugge nessuno che sia donna..
gli fa le lastre come se avesse un proprio strumento!

Ossessionato da questa bramosìa,
pronto a gettarsi sulla pecorella,
si aggira come un lupo per la via,
non si salva nessuna, brutta o bella!

Racconto inviato da: Paola Durantini