POESIE - LOMBARDIA
Prim dii de scoeula... Beslan
La traduzione in dialetto milanese della bella poesia scritta da Gino in veneto.
Dialetto: Lombardia

Prim dii de scoeula... Beslan

A Beslan , tra i betull de l'Ossezia,
i mamm ravanen in fònd ai borsitt
per comprà i matit e quaderni
in doe i fiò scriverann i soo stori.

Stori de viit normal, domestich,
come i dii di gioeuch in d'on cortil,
rampegaa a la pertiga d'ona palestra
o vissuu de dree di finester de geel
a sognaa el cald de l'estaa
intant che dislenguen i ball de neev in di man.
Leggerann in di liber de scoeula
i gest d'òmenn fort, coragioss
potent e prepotent
ch'hann torturaa i nemiis,
massacraa, stupraa, sotteraa
e liberaa alter òmenn.

Savraann di martir, d'infami e barbarie
de rivoluzion negaa in del sangh di pader,
de scempi in nòm de la giustizia.

Savraann de cos'è che l'è fa' l'òmm.

Chel'òmm ch'el canta l'amour
cont'on kalashnikov in di braasc,
Quèll ch'el dà fiaa ai tromb
per meet in sceena la melodia de la gueera,
quel ch'el dopera i parol persuasiv
pebindolà la gent cont'i ball.

Sentiraan i pass opriment de la storia
andagh incontra a gran velocità,
In del sord tònf di scarponi Ceceni
tra i silenzi disperaa.
In de l'eco assordant di bomb
che sbrindellen i faciaad de la speranza.
Leggeraan puu la storia de chi fiòlet lì.

Incoeu l'hann scrivuda
col sangh
sui soo mort biòtt.



Traduzione in italiano

Primo giorno di scuola... a Beslan
A settembre comincia la scuola.

A Beslan, tra le betulle dell'Ossezia,
le mamme rovistano il fondo dei borsellini
per comprare le matite e i quaderni
dove i figli scriveranno le loro storie.
Storie di vite semplici, domestiche,
come i giorni dei giochi in un cortile,
arrampicati alla pertica d’una palestra
o vissute dietro le finestre di gelo
a sognare il caldo dell’estate
sciogliendo palle di neve tra le mani.

Leggeranno nei libri di scuola
le gesta d’uomini audaci e impavidi
potenti e tracotanti
che hanno torturato i nemici,
massacrato, stuprato, seppellito
e liberato altri uomini.

Sapranno di martiri, d’infamie e di barbarie,
di rivoluzioni annegate nel sangue dei padri,
di scempi in nome della giustizia.

Sapranno di che è fatto l’uomo.

Quell’uomo che canta l’amore
imbracciando un Kalashnikov,
quello che da fiato alle trombe
per mettere in scena la melodia della guerra,
quello che usa le parole persuasive
arringando la folla con le menzogne.

Sentiranno i passi opprimenti della storia
venirgli incontro a grande velocità,
nel plumbeo rimbombo degli scarponi ceceni
tra i silenzi disperati,
nell’eco assordante degli ordigni
che sbrindellano le pareti della speranza.

Non leggeranno più la storia quei bimbi.

Oggi l’hanno scritta
col sangue
sui loro nudi cadaveri.

In memoria dei bambini morti nella scuola di Beslan


Racconto inviato da: Loredana Moroni