POESIE - PIEMONTE
At voi ben, d'in gram bo

Dialetto: Piemonte

At voi ben, d'in gram bo
Dialetto di Alessandria

At voi ben, d'in gram bo; ma am sent n'afari
rugnè ant'u stòmi cum fa fin stè mà,
quand t'stai fèrm cme na statua, o ciulandàri,
et vori pü bugèt da'n mès d'la strà;

sa't dev bütet u giog tel ta stai uàri
a'nfilèmi an t'el mur d'il gran curnà:
col ciuncion e'n col lurdi at trag a pari
anche se't uàrdi con ij ugion 'nrabià.

Dai nariz chij fan sghenfi, spurchi ad stàla
ul sòrt in gran vapur per la frigg òrba
e u to bragè us sent fin al paìz:

che i tòj ogg i sméju fürb l'è na gran bàla,
ij son'mmà gros e ij han la vista tùrbia
e i camp e i prà ij s-ciàru ammà tucc griz



Traduzione in italiano

T'amo o pio bove


Ti voglio bene, d'un povero bue; ma mi sento un affare
rimescolare nello stomaco che ml fa perfino star male,
quando tu stai fermo come una statua, o pezzo di scemo,
e non ti vuoi più muoverti dal mezzo della strada;

se ti devo mettere il giogo tu ci metti poco
a infilarmi in faccia delle grandi cornate:
col pungolo e con gli schiaffi ti metto a posto
anche se tu guardi con gli occhionì arrabbiati.

Dalle narici che fanno schifo, sporche di stalla,
esce un gran vapore per il freddo cane
e li tuo muggito si sente fino al paese;

che i tuoi occhi sembrino furbi è una grande storia,
sono soltanto grossi e hanno la vista torbida
e i campi e I prati li vedono soltanto tutti grigi.


Racconto inviato da: Vittorio Ziliani da Giosue Car