POESIE - CALABRIA
Jorna di la simana

Dialetto: Calabria

Jorna di la simana

Prima pijgghiamu lu jornu di luni,
chista jornata benigna e fatali;
l'animi santi stannu a ndinojcchiuni
davanti a chistu Ddiu celestiali.
Pe cu l'adura cu perfettu amuri
non ha penseru di finiri mali.

E poi passamu a lu jornu di marti:
Prega Maria, pe ognunu u si cunverti.
Pijgghiaru na cascetta n'carchi parti,
n'coju la portaru ddui vejcchi.
O peccaturi, non seguiri l'arti;
stai vigilanti e stai cu l'ojcchi aperti.

Mbiatu cu lu mercuri dijuna,
e di lu Carminu dici la storia;
quandu morimu, a nnui non ndi bbanduna,
duna na parti di l'eterna gloria.
Se ogni sira dici lu rosariu,
Maria ti lu scrivi a la memoria.

Lu gioviddì è di lu Spiritu Santu,
d'undi vinni sta santa jornata.
Di lu celu calau l'angialu santu
dicendu di Maria la Nunziata.
Pregamu mu ndi llumina la menti
e l'anima pemm'è santificata.

Di Venniri moriu noshtru Signuri,
chinu di piaghi, ntra spini pungenti;
Mpisu a tri chiova, cu randi doluri,
Cristu patiu pe nnui peni e tormenti.
Se vvoi pemmu ti sarvi, o peccaturi,
davanti e cincu caji mu ti penti.

Lu sabbitu, ch'è jornu d'allegria,
ognunu stamu cu la vucca a risu.
Gesù si vota n'verzu di Maria;
"Matri, li peccaturi m'hannu offisu!"
"Fijgghiu, perduna, e la tò ira svija
puru se, n'tortu, n'cruci t'hannu misu."

Dominica è da Santa Trinitati;
beni facimu jcchiù di ll'atri voti.
Omani e donni su' santificati,
scacciamu lu nimicu, e non ndi poti.
Ca Cristu di lu mundu apriu li porti,
n'celu ndi spetta, cu li vrazza aperti.


Traduzione in italiano

I giorni della settimana

Prima prendiamo il giorno di lunedì,
questa giornata benigna e fatale;
le anime sante stanno in ginocchio
davanti a questo Dio celestiale.
Chiunque lo adora con perfetto amore,
Non ha paura di finire male.

E poi passiamo al giorno di martedì:
Prega Maria per la conversione di tutti.
Presero una cassetta da qualche parte
e sulle spalle la portavano due vecchi.
O peccatore non seguire l'arte;
vigile stai e tieni gli occhi aperti.

Beato chi digiuna il mercoledì
della Madonna del Carmelo racconta la storia;
Quando moriamo non ci abbandona
ci dà una parte dell'eterna gloria.
Se ogni sera reciti il Rosario,
Maria te lo scrive sulla memoria.

Il giovedì è dello Spirito Santo,
da dove venne questa santa giornata.
Dal cielo discese l'angelo santo
parlando a Maria l'Annunziata.
Preghiamo che ci illumini la mente,
perché l'anima sia santificata.

Di venerdì morì nostro Signore,
pieno di piaghe e tra spine pungenti;
appeso a tre chiodi con grande dolore.
Cristo patì per noi pene e tormenti.
Se vuoi salvarti, o peccatore,
davanti alle cinque piaghe devi pentirti.

Il sabato è giornata di allegria,
ognuno ha il sorriso sulle labbra.
Gesù si gira verso di Maria:
"Madre, i peccatori mi hanno offeso!"
"Figlio, perdona e calma la tua ira
anche se, innocente, in croce ti hanno appeso.

Domenica è della Santa Trinità;
facciamo del bene più delle altre volte.
Gli uomini e le donne son santificati,
scacciamo il nemico dalle nostre vite.
Cristo del regno apre le porte,
in cielo ci aspetta a braccia aperte.

Racconto inviato da: Silvana Rechichi