POESIE - CALABRIA
Quandu vaju u mi curcu

Dialetto: Calabria

Quandu vaju u mi curcu

Cu Gesù mi curcu, cu Gesù mi staju,
jchiamandu Gesù, paura non haju.
A Madonna m'è mamma, u Signiri è me patri,
sant'Anna è me nonna, san Giacchinu è me pappù,
l'angialeji su soru e frati, i serafini mi su' cuggini.
Ora chi nd'haju st'amici fidili,
mi fazzu la cruci e mi mentu a dormiri.


Traduzione in italiano

Quando vado a dormire

Con Gesù mi corico, con Gesù rimango,
invocando Gesù paura non ho.
La Madonna e la mia mamma, il Signore è mio padre,
sant'Anna e la mia nonna, san Giacchino è il mio nonno.
Gli angioletti son sorelle e fratelli, i serafini sono i miei cugini.
Ora che ho questi amici fedeli,
faccio il segno della croce e mi metto a dormire.

Racconto inviato da: Silvana Rechichi