POESIE - LAZIO
Ner còre della notte

Dialetto: Lazio

Ner còre della notte

Prima d’annà all’arberi pizzuti
io vorebbe capì com’è che ar mònno,
ce so’ certi bojaccia e tanti bruti!
Vorebbe aritrovà quer dorce sonno
che te fa riposà senza paura.
T’addormi co’ penzieri de dorcezza,
nun penzanno alla vita tanto dura..
e t’ariscalla ner còr la tenerezza.

Purtroppo ancora tona er temporale..
romba er cannone, spara la mitraja.
Ce so’ crature che ciànno solo male,
la fame e la paura l’attanaja!
Mentre che vejo, senza chiude ‘n occhio..
ner còre della notte, me domanno:
“Quanto dovrà durà ‘sto gran pastrocchio
e perché l’ommini se fanno tanto danno!”



Traduzione in italiano

Nel cuore della notte

Prima di morire
vorrei capire perché a questo mondo,
ci sono tante persone cattive!
Vorrei ritrovare quel dolce sonno
che ti fa riposare senza paura.
Ti addormenti con pensieri dolci
non pensando alla vita difficile...
e ti riscalda nel cuore la tenerezza.

Purtroppo ancora tuona il temporale...
romba il cannone, spara la mitraglia.
Ci sono creature che conoscono solo il male,
la fame e la paura le attanaglia!
Mentre sono sveglia e non riesco a chiudere gli occhi...
nel cuore della notte mi domando:
"Quanto dovrà durare questo pastrocchio
e perché gli uomini si fanno tanto male!"



Racconto inviato da: Paola Durantini