POESIE - SICILIA
Picciridda
Questa Poesia la poetessa di Gela, Elena Cimino, l'ha dedicata a Martina una bimba stupenda e io la traduco in dialetto siciliano perchè Martina l'ho sempre considerata una mia nipotina. Paolo Campisi
Dialetto: Sicilia

Picciridda

Resta muta
a trasuta re to occi
ca vardunu
i pussibili firiti

O menzu, menzu l'augghi
i pungigghiuna
i tristi lapiceddi
supra la to' 'duci peddi
mentri stanu fermi i cigghia
i niuri farfalli
pronti a fuirisinni
'nta strani ciamati
che dubbi ri carizzi

La notti frisca
re to' pupilli
ingi l'ariu
lu fa riccu
re to' stiddi
re to' silenzi 'ca brillunu
re to' sonna tenniri
'nte scricciati
ri culura 'nciusi
to jancu re camici

Y'ha parratu u me' ciatu
doppu li paroli

T'ha cantatu a me' taliata

Agghiu fattu pinniceddi li me' manu
picciridda
c'aspetti
libbiri carizzi
'mita ppe fistina
Joca ri picciriddi
'nte tani apetti

Nura 'nta 'nsurrisu
renni vivu ogni sensu

e 'nto sulu ventu
ri na 'niga cursa
i cora fannu ciuri
'nta stinnuta.


Traduzione in italiano

Bambina

Ammutolisce
l'ingresso dei tuoi occhi
guardiani
di possibili ferite

Ancora intorno gli aghi
i punzecchiamenti
le tristi api
sulla dolce pelle
mentre sostano le ciglia
le nere farfalle
pronte a fuggire
estranei richiami
enigmi di coccole

La fresca notte
delle tue pupille
impregna l'aria
la fa ricca
delle tue stelle
del brillio dei tuoi silenzi
de4i tuoi sogni teneri
in cui schizzi
i racchiusi colori
sul bianco dei camici

T'ha parlato il mio respiro
dopo le parole

T'ha cantato il mio sguardo

Ho reso piume le mie mani
bambina
che attendi
libere carezze
festosi inviti
cucciolate di giochi
in aperti rifugi

Nuda in un sorriso
vivifichi ogni senso

E nel solo vento
d'una tua pargola corsa
fioriscono i cuori
a distesa.

Racconto inviato da: Elena Cimino - Gela