POESIE - MARCHE
Un tipaccio
E’ la descrizione di un tipo poco raccomandabile. E’ scaltro, egoista, pigro, malfidato e viziato. Ce ne sono parecchi così nelle nostre case.
Dialetto: Marche

Un tipaccio

Bbocca ntru casa: l’aria da spavardo
u passo baldanzoso da paccó’.
Superbo si gnicò’ butta ‘nu sguardo,
tutto sotto controllo cià è u patró’.

Smusa davant’u piatto bell’e fatto
comme per dì’: “Sta purcheria mi datto?”
Pò’ ne proa un buccó’, ma cun sospetto,
e ce se butta che mango rpija fiato!

Fenito de magnà’, bello satollo,
‘na pennichella ce va a cocco de pippa,
cuscì se butta giù, quanto che longo,
pò llamajese casa: se ne mpippa.

Però dì’ ‘na parola o smove un piatto
che lù comme d’incanto se renviè’,
pare guaci che u faccia per dispetto,
per fatte véde che nun je sfugge gnè’.

Nun se pò dì’ se quanto è marfidato,
lù che tra i disunesti porta a parma,
se gira l’occhi penza ll’i fregato,
intanto lù cun te ce gioca a ciurla.

Dopo ra penneca, bello ripusato,
‘na stiracchiata e ‘na custoditella,
s’ru lligia poco ll’u baffo ‘nvarcato!
Io, je ru tajeria, me fa gnuella!

Ria cu l’occhio languedo, ‘ncantato,
ma je ce brilla sempre a birbarìa,
se strigia, vole i frulli, è disperato!
Quanno me cuscì ru mmazzaria!

Ru manno via de casa comme gnente,
un giorno e ‘n antro che me fa rrabbià’,
eppò’ vedemo se nun se n’ha pènte,
che ja fenito tutto ru scialà’.

Io ciò da fa: puliscio, rlao i piatti,
lù’ cià un pensiero solo, quesso è un fatto,
quanno l’u preso nun era cuscì i patti,
ma che vòi fa! Purtroppo è sempre un gatto!


Traduzione in italiano

Un tipaccio

Entra in casa: l’aria da spavaldo
il passo baldanzoso da spaccone.
Superbo su tutto getta un’occhiata,
tutto sotto controllo ha, è il padrone.

Mostra insoddisfazione davanti al piatto pronto come per dire: “Questa porcheria m hai dato?”. Poi ne assaggia un po’, ma con sospetto, e ci si butta che neanche prende fiato.

Finito di mangiare, ben sazio,
un pisolino ci va proprio bene,
così si coricato,
può crollare casa: se ne infischia.

Però se dici una parola o muovi un piatto
lui come per incanto torna in sé,
sembra quasi lo faccia per dispetto,
per far vedere che non gli sfugge niente.

Non si può dire quanto sia malfidato,
lui che tra i disonesti è il portabandiera,
se gira gli occhi pensa che l’hai ingannato
intanto lui ti prende in giro.

Dopo il pisolino, ben riposato
una stiracchiata ed un po’ di toletta,
si liscia con gran cura quel baffo infeltrito!
Io glielo taglierei che mi fa solletico!

Arriva con l’occhio languido, sognante,
ma gli ci brilla sempre la malizia,
si struscia, vuole le coccole, è disperato!
Quando fa così lo ammazzerei!

Non mi costa nulla mandarlo via di casa,
un giorno o l’altro se mi fa inquietare,
poi lo vedremo se non si pente,
ché ha finito di scialare.

Io ho da fare: pulire, lavare i piatti,
lui ha solo un pensiero, questo è il fatto,
quando l’ho preso non furono questi i patti,
ma che vuoi fare! Purtroppo è sempre un gatto!



Racconto inviato da: Maria Teresa Bonifazi