POESIE - SICILIA
A li ma nanni
Versi che rispecchiano il grande affetto di un nipote nei confronti dei nonni!La rimembranza dei bei momenti dell'infanzia non può far a meno di evocare la voglia di scrivere quattro umili versi affettuosi e di riconoscenza tra lacrime d'amore che scaturiscono in un mare d'affetto!
Dialetto: Sicilia

A li ma nanni

Mia fonti di saggizza,
criscivu 'mmiezzu a vantri,
sugnu vulutu beni
ancora cchiù d'un figliu.
Spissu cara nonna iu pienzu
a li tò cunti
chini di buon sensu,
vita sacrificata avisti
di nicaredda mi dicisti
ca puviredda la
fami e la guerra suffristi
ma cu caratteri forti
a fariti la vita arriniscisti
e nà bella famiglia
purtasti avanti.
E tu nonnò,picciliddu
lu travagliu canuscisti
di li masci supirchiarii
n'havisti fatti ma
cchiù assinziatu criscisti
e cu dda bedda picciuttedda
canusciuta intra un
vattiu ti maritasti.
Mi sta turnannu 'mmenti
quann'iu nicarieddu a
la chiazza cu tia viniva e chiamannuti "Mimi"
t'arrimuddava lu cori
già sinsibili pi nascita
tantu ca m'accurdavatu
ogni cosa e staiu pinsannu
a tutti li risati fatti
fina intra lu lettu quannu
cu vantri mi vulia curcari
dannuvi la *"bonabotti".
Eh si nannuzzi mia
vi portu 'ntra lu cori
e vui pinzati ancora
sacrificiu chi m'aiuta!
Un sacciu si haju sempri
arrinisciutu a dimustrari
tuttu lu granni affettu
miu pi vantri,picchistu
vosi scriviri sti
quattru umili versi.
Sapiti,nun puozzu mai pinsari
a ddu tristi jornu ca
stu munnu hata lassari ,
ma vi dugnu la parola ca
di vantri pi sempri
arresterà un bellu
ricordu 'ntra lu me cori
senza sbiadiri mai.
Putissi scriviri a mai
finiri pi li nannuzzi
mia tra lacrimi d'amuri
intra un mari d'affettu...!


Traduzione in italiano

Ai miei nonni

Mia fonte di saggezza,
son cresciuto insieme a voi,
mi avete voluto bene
ancora più d'un figlio.
Spessa cara nonna penso
ai tuoi racconti
pieni di buon senso
vita sacrificata avesti
da piccola mi dicesti
che, povererella, la
fame e la guerra soffristi
ma con carattere forte
a farti una vita riuscisti
e una bella famiglia portasti avanti.
E tu nonno, piccolino,
il lavoro conoscesti
dai mastri soverchierie
dovesti subire ma
crescesti più responsabile
e con quella bella ragazza
conosciuta durante un
battesimo ti sposasti.
Sto ripensando quand'io piccolino
andavo in piazza con te e chiamandoti "Mimì"
ti scioglievo il cuore
già sensibile per nascita
tanto che mi accontentavi in ogni cosa
e sto ripensando a tutte le risate fatte
anche a letto, quando con voi volevo coricarmi dandovi la *"bonabotti".
Eh, sì, nonnucci miei
vi porto nel mio cuore
e voi cercate ancora
un sacrificio che mi aiuti!
Non so se son sempre riuscito
a dimostrare tutto il mio grande affetto per voi,
per questo ho voluto scrivere
questi quattro umili versi!
Sapete, non posso mai pensare
a quel triste giorno in cui
questo mondo dovrete lasciare
ma vi prometto che
di voi per sempre
resterà un bel ricordo dentro al mio
cuore senza sbiadire mai.
Potrei scrivere all'infinito per i mie nonni tra lacrime d'amore in un mare d'affetto...!


Racconto inviato da: Calogero Miceli - Grotte - (Ag