POESIE - MOLISE
La nejja

Dialetto: Molise

La nejja

La nejja crupoiva la valle
scumparse culloin'e mundagne,
de sotte,de sopra,ddevielle
macciacche de gghienga ammace.
Dapuò chieane,chieane se smeuue,
se fricceca,torce e'bberroita,
se scopre nu ticchie de vosche,
na ponda de ciele,nu pruoate...
e lassa le frusce e re cippe
arrecamate de sc-tizze lucende.
S'arralza, s'arralza femonne
e lassa na toppa,pè scagne.
Mo s'è fermata cchiùngioima:
che bella cheloccia a re munde.


Traduzione in italiano

La nebbia

La nebbia copriva la valle,
scomparvero colline e montagne,
di sotto,di sopra,di fianco
mucchi di bianca bambagia.
Poi piano,piano si muove,
si gira, si torce e s'avvolge,
si scopre un pezzo di bosco,
un po' di cielo,un prato...
e lascia le foglie e i rami
ricamati di gocce lucenti.
Si alza, si alza fumando
e lascia una zona coperta,per sbaglio.
Ora s'è fermata più sopra:
che bella ghirlanda ai monti.

Racconto inviato da: Michele Di Ciero