POESIE - MOLISE
delore

Dialetto: Molise

delore

Notte e nè notte,rret'a Sante Marche
uarde cuntemple bba pe la Marella
l'aria arpuloita,'nciele na stellata
na lun'a felce chiove luce chiera.
S'appiccia cacche luc'alla Muntagna,
nu cuone abbajja:subete se ferma;
'nchiupe rhu sciume canta pe le morge
tuppejejane fiume le cemmenoire.
Tutte è selenzie e sente tante veuce,
te 'ntronane le recchie e te 'ntuntisce,
l'alme te troime,vola nu sespoire
te sente strujje senza nu delore.
Che pace,che selenzie,che bellezza
tutte s'arpenza....
Me volt'arrete,'ncima 'a rhu purtille
la Creuce uard'a vraccia spalazzate,
e n'ombra s'avvecioina,susperenne,
se ferma,uarda 'nciele dà n'allucche,
fa n'andre posse,pò s'arferma 'e chiagne.
Ha fatte nucchie o' 'mbaccia a la Creuce
s'è strette che le vracc'e che rhu piette.
Alza la coccia all'erta:"Criste,Criste,
che me sci fatte,Criste beneditte?"
Po' la voc'addevenda nu lamiente
lunghe e settoile,come na criatura.
e sente saglie 'nganna,gnè 'n'affanne
stregne le vraccia 'mpiette
e chienghe 'nzemb'all'ombra de la creuce
quire delore ch'è pure rhu mojja.




Traduzione in italiano

dolore

Appena notte,dietro a San Marco
guardo e contemplo giù per la Marella
l'aria pulita,tersa,in cielo una stellata
una luna a falce emana luce chiara
S'accende qualche luce alla Montagna,
un cane abbaia: subito si ferma
in sordina il fiume canta fra i sassi
i camini cacciano fumo.
Tutto è silenzio e sento tante voci,
rintronano le orecchie e rimani stordito,
l'anima ti trema,vola un sospiro
ti senti distruggere senza un dolore.
Che pace,che silenzio,che bellezza
tutto si ripensa...
Mi volto indietro,sulla porta
guardo la croce a braccia aperte
e un'ombra sospirando,
si ferma, guarda in cielo, dà uno strillo,
fa un'altro passo, poi si ferma e piange
Ha girato gli occhi in faccia alla Croce
si è stretta con le braccia e col petto
Alza la testa:"Cristo,Cristo,che i hai fatto,
Cristo benedetto?".
Poi la voce diventa un lamento lungo e sottile,come una creatura.
Mi sento salire in gola come un affanno
stringo le braccia al petto,poi sospiro
e piango insieme all'ombra della croce,
quel dolore che è pure mio.

Racconto inviato da: Michele Di Ciero