POESIE - CALABRIA
Rarici
Per chi lascia la terra natia le radici sono linfa vitale.
Dialetto: Calabria

Rarici

Comu l'arbiru varda a so' rarici
nto mentri chi s'accrisci e menti frunda
e pi fari ccchiù forti a so' matrici
cchiù tempu passa e cchiù 'a faci funda
e si non esti'mpuss'ssata bona
non ghjetta fogghj e frutta e
prestu 'ssicca
e non supporta ventu, lampi e trona,
lassatammillu fari pi 'na picca.
Nan soffru 'i nostalgia nè di rimpiantu
'i chiddhu chi lassai arreru a mia
si parra a 'n calabrisi r'ogni tantu,
è sulu ch'arrancandu a mmenzu a' via
ra vita r'ogni ghjornu cercu 'n cantu
pi diri: ieu sugnu cca e 'i ddha niscia.


Traduzione in italiano

Radici

Come l'albero guarda alla sua radice
nel mentre che s'accresce e mette fronda
e per fare più forte la sua matrice
più tempo passa e più la fa profonda
e se non è assestata bene
non butta foglie e frutti e presto secca
e non sopporta vento, lampi e tuoni,
lasciatamelo fare per un poco.
Non soffro di nostalgia nè di rimpianto
di quello che lasciai dietro a me
se parlo in calabrese ogni tanto,
è solo che arrancando in mezzo alla via
della vita di ogni giorno cerco un canto
per dire: io sono qui e da lì sono nato.

Racconto inviato da: Francesco Ottanà