POESIE - PIEMONTE
Natale 1974

Dialetto: Piemonte

Natale 1974
Dialetto di Alessandria

Chi cu's vig! Gesù Bambèn!
Ma sat fai tra i Lisandrén?
Chi u lè tròpa nèbia e frigg
per masnà citi parigg!

San Giuseppe. cul testón.
marcia semper cme'n ciulón.
Stà'n pò fèrm, o d'na Madòna!
T'veni za da'n Valmadòna!

N'asident! Seij pròpi zlà:
ijm smej dùr cme bacalà!
Avnì a fè slinguè u giasón
ant'il bar ad la Stasiòn.

Ijv spaventi per la gent?
stè tranquill: ijv s-ciàru nent.
L'azu làsli an pò püü 'n là.
'n mèz a ij auto, parchegià;
ma 'l bucén purtumli al bar,
sadnò il màsu: l'è trop car!

A pag mei! Sac' vori piè?
La Madona, in bèl cafè;
a Giùsèp in " cappuccino "
e'n pò'd lacc per il Bambino.

Um dispiaz che pr'il bucén
ij àbiu nanc na friza'd fen.
Ma stasira us fa ribotta:
ai darò doi buondi Motta!

A Nadà truvèvi chi!
Adès' pos anche muri.
Sa chi iej dicc? Cu'v s-ciara ansön?
Ma s'ij son tücc farfaién!

Drera i sold ammache, i curu
e ij'v cunòsu nent, 'sti buru!
Al cor i'han trac ant'l'armenta
e ammà giàsa ij han andrenta.

Sùma pròpi ben ciapà:
a jùma ij auto a sent cavà,
ma carlà d'azu e bucén
nanca bon d'vighi'l Bambén.

Ma ui n'è jön cu v'ha cunsi!
L'è Gelindo cu ven,. chi
'n col plison e'n coi siràs
e col sòcli da strapas!

U lè tùta la sò zuéra
con la cràva cla v'en drera
e Mafè cu dizÝ "Plandròn!"
e ui dà a Tirsi in gran lurdón.

I cumpisu sinquant'ani.
Sa ca fuma?... aij truma'n Tàni?
No? Perchè? U ij'ha dicc ben:
ij han cunsì e capì'l Bambén.



Traduzione in italiano

Natale 1974


Chi si vede! Gesù Bambino!
Ma cosa fai tra gli alessandrinii
Qua c'è troppa nebbia e freddo
per bambini piccoli così!

San Giuseppe. quel testone.
marcia sempre come uno stupido.
Sta un po' fermo, o d'una Madonna!
Vieni già da Valmadonna!

N'accidenti! Siete proprio gelati:
mi sembrate duri come baccalà!
Venite a fare sciogliere il ghiaccio
nel bar della Stazione.

Vi spaventate per la gente?
State tranquilli: non vi vedono.
L'asino lascialo un po' più in là.
in mezzo alle auto, parcheggiato:
ma il vitello portiamolo al bar,
altrimenti lo ammazzano: è troppo caro!

Pago lo! Cosa volete prendere?
La Madonna. un bel caffè;
a Giuseppe un " cappuccino"
e un po' di latte per il Bambino.

Mi dispiace che per il vitello
non abbiano nemmeno un poco di fieno.
Ma stasera sì fa baldoria:
gli darò due buondi Motta!

A Natale trovarvi qua!
Adesso posso anche morire.
Cosa avete detto? Che non vi vede nessuno?
Ma se sono tutti superficiali!

Soltanto dietro i soldi, corrono
e non vi conoscono. 'sti cretini!
il cuore l'hanno gettato nella spazzatura
e dentro hanno solo ghiaccio.

Siamo proprio ben presi:
abbiamo le auto a cento cavalli,
ma cariche di asini e di vitelli
nemmeno capaci di guardare il Bambino.

Ma c'e n'è uno che vi ha riconosciuto!
E' Gelindo che viene qua
con il peiliccione e con la ricotta
e colle zoccole da strapazzo!

C'è tutto il suo seguito
con la capra che viene dietro
e Mafè che dice: "Pelandrone!"
e dà a Tirsi una grande sberla

Compiono cinquant'anni.
Cosa facciamo?... il gettiamo in Tanaro?
No? Perchè? Gli ha detto bene:
hanno riconosciuto e capito il Bambino.



Racconto inviato da: Vittorio Ziliani