POESIE - PIEMONTE
Vulped int'i ricord
Poesia dedicata a Volpedo (AL), paese della Val Curone rinomato per il pittore Giuseppe Pellizza, famoso nel mondo per le fragole e le pesche esportate in tutta Europa. Qui ho trascorso gli anni dell'adolescenza e parte della gioventù.
Dialetto: Piemonte

Vulped int'i ricord

A vuress uncù
ar me illusion
'na caressa
un suris
du canson.
A vuress uncù
'na cursa int'i prà
quatar ciaciar a Porta Stanga
arenta a'cà ad Plessa e Pitur
ch'l'ha dat a e pais vant e unur.
A vuress uncù
i fiur ad galavèrgna ins'i vedar srà
u cep e l'udur dra legna brusà
ar caval ad fioca in piassa
e 'na sghiarola ins'a giassa.
A vuress uncù
pucià i pé intr'a rosa
fa un bagn int'e Cuarion
e po crugam int'l'erba
a l'ombra du Rugron.
A vuress uncù
coi dì mai dismingà
e tot'i me amis ...
l'era assè poch e gnent
per ess cuntent.


Traduzione in italiano

Volpedo nei ricordi

Vorrei ancora
le mie illusioni
una carezza
un sorriso
due canzoni.
Vorrei ancora
una corsa nei prati
quattro chiacchiere a Porta Stanga
vicino alla casa di Pellizza il Pittore
che ha dato al paese vanto e onore.
Vorrei ancora
i fiori di galaverna sui vetri gelati
il tepore e l'odore della legna bruciata
i mucchi di neve in piazza
e una scivolata sul ghiaccio.
Vorrei ancora
immergere i piedi nella roggia
fare il bagno nel Curone
e poi sdraiarmi nell'erba
all'ombra del Roverone. (*)
Vorrei ancora
quei giorni mai dimenticati
e tutti i miei amici ...
bastava poco e niente
per essere felici.

(*) quercia secolare sulla sponda sinistra
del torrente Curone




Racconto inviato da: Dorina Costa