POESIE - MOLISE
Chi t'accarezza cchiù

Dialetto: Molise

Chi t'accarezza cchiù

Chi t'accarezza cchiù,ser'e matina?
e chi t'addorme mo'che na carezza?
e t'arresbeglia ,chiene,che nu vasce?
Chella manuccia bella,'mbalzameata
sta trista e fredda che la cron'attorne.
E chella vocc'addo scivene re sciure
stretta,'nserrata nen parla cchiù,né roide.
E né la chiama cchiù,basta ssu neume:
mamma,mamma e mamma,oh,che delaure,
eme perdute tutte,figlie mojja,
tutte le bene nuoste se ne jute.
Ma né la chiamà cchiù,chiagneme schitta.


Traduzione in italiano

Chi ti accarezza più

Chi ti accarezza più la sera e la mattina?
e chi ti addormenta ora con una carezza?
e chi ti sveglia, piano, con un bacio?
Quella manuccia bella,imbalsamata
sta triste e fredda,con la corona intorno.
E quella bocca dove uscivano i fiori
stretta ed immobile non parla più,nè ride.
e non la chiamare più,basta con questo nome:
mamma,mamma e mamma,oh,che dolore,
abbiamo perso tutto,figli miei,
tutto il nostro bene se ne andato.
Ma non la chiamare più,piangiamo solo.

Racconto inviato da: Michele Di Ciero