POESIE - SICILIA
'N'Eternità r'amuri Giuzza mia
Questa poesia è il doloroso ricordo di una parte della mia vita: mia sorella Rosa Maria deceduta 12 anni fa.
Dialetto: Sicilia

'N'Eternità r'amuri Giuzza mia

Ti dumannu scusa matri
se 'ghiornu ri ranni:
sentiri nun pozzu la to' vuci
ca mi ricia:...
"Giuzza mia".
Agghia sulu riurdari
la to' facci 'nfotugrafia
e, ccu chista, ri lu ziu, puisia.
M'arriordu 'ppi sempri
chista curta storia ri famigghia
'nti sulu vintri misi:
Matrimoniu - Figghia - Morti.
Povira matri mia!?
Ppi 'bbuliri rò ristinu,
si, sintinziau la to' sorti.
Ju, Grazia.
Un'Eredità d'Amore,
t'agghiu 'rrialatu
che me ' primi paroli:
"Ma - Ma - Ma"
...E tu?,
'nto 'nomu ro Signuri,
suggnu cetta,
vigghi supra ri mia...
a tutti l'uri.
La to figghia Grazia.


Traduzione in italiano

Un'eternità d'amore Piccola gioia mia

Ti chiedo scusa Mamma
se, un giorno da grande
udire non potrò la tua voce
che mi chiamava:...
"Piccola Gioia mia".
Dovrò solo ricordare
il tuo volto in fotografia
e, con questa, dello zio, poesia.
Ricorderò per sempre
questo breve romanzo di famiglia
in soli ventitrè mesi:
Matrimonio - Figlia - Morte.
Povera mamma mia!?
Per volere del fato
si sentenziò: la sorte.
Io, Grazia.
Un'eredità d'Amore
ti ho regalato
con le mie prime parole
"Ma - Ma - Ma"
E tu!?.
nel nome del Signore.
Sono certa,
veglierai su di me...
a tutte le ore.
Tua figlia Grazia.

Racconto inviato da: Paolo Campisi