POESIE - SICILIA
A diciarott'anni
Oggi si è anziani e ricordi dei tempi beati si affollano nella mente. Alle ragazze, Valeria, Carmela Rosetta, Anna, Marianna dedico
Dialetto: Sicilia

A diciarott'anni

A diciarott'anni,
l'amuri e comu la morti,
quannu la jarrusa sorti
vorrica
cu na sciusciata ri ventu:
Vasuna, carizzi, risateddi,
ri 'n'giusu mumentu.
Ammatula, riordu ddu matinu
quannu 'mvasuni... forsi u primu!,
resi o me cori; l'eterna primavera.
Ora, 'nto riordu autunnali
su semplici fogghii
ri larici e pioppi
longu u ciumi ri l'amarizzi,
...ca' 'ngialluti,
...ca' 'fraciruti,
su' ppi mia: Riorda tristi.


Traduzione in italiano

A diciott'anni

A diciott'anni,
l'amore equivale: morte
quando l'ironica sorte
seppellisce
con una folata di vento:
Baci, carezze, sorrisi,
di un gioioso momento.
Invano, ricordo quel mattino
quando il bacio..., forse il primo!,
rese al mio cuore: l'Eterna Primavera.
Ora, nel ricordo autunnale
sono semplici foglie
di larici e pioppi
lungo il fiume delle amarezze,
...che ingiallite,
...che imgiallite,
sono per me: Ricordi tristi.

Racconto inviato da: Paolo Campisi