POESIE - MOLISE
Niende

Dialetto: Molise

Niende

Ne vvoglie esse propra niende:
ì ne vvoglie cchiù penzaje
a vvattecore e a vvuaje...
Liegge liegge, so'cundiende
com'a véla dend'a mmare
a ssendirme nazzecà
a ssendirme cunzelà
da rhu cande de rhu mare.
Se la notte vo le stelle,
se rhu ciele vo rhu sole,
se ciardine vo viole...
ì ne vvoglie cchiù cubbelle.
Senza cuorpe so lleggiere
com'a cchjuma dend'a vviende;
ì nen denghe cchiù penziere:
nen zo niende...nen zo niende!
So nu sciete, nu suspire
e,ffelice com'a cché,
uarde, cande e mme la rire:
Senza niende so 'nu rrhe.


Traduzione in italiano

Niente

Non voglio essere proprio niente
io non voglio più pensare
ai palpiti di cuore ed ai guai...
Leggero leggero,sono contento
come una vela nel mare
nel sentirmi ondeggiare
nel sentirmi consolare
dal canto del mare.
Se la notte vuole le stelle
se il cielo vuole il sole
se i giardini vogliono le viole...
io non voglio più niente.
Senza corpo sono leggero
come una piuma portata dal vento:
io non ho più preoccupazioni:
non sono niente, non sono niente!
Sono un alito, un sospiro
e, felice come non mai,
guardo, canto e me la rido:
senza niente sono il Re.

Racconto inviato da: Caillo Carlomagno