POESIE - MOLISE
Passane le 'ndocce

Dialetto: Molise

Passane le 'ndocce
Pe tutte le fenéste e re balchjune
nu ljume st'appecciéate accusc' biélle,
e dafore,cundiende re guagliune
appicciane rutélle e zulfariélle.

Massajra è la vejria de Natale
ognjune sta cundiénde e spenseréate
e armojra gn'alljuma nu pedéale
che tanda lambadojene culuréate.

Vevénde ru presépie già sta pronde,
nu pasturiélle n'ojene che pasce,
na grotta solo séula sta de fronde
addò ru bambiniélle sta pe nasce.

Na stella chiù lucende st'appecciéata,
e mendre la scupojena sta sunanne,
se vajde la Madonna ungenucchiéata
che nziémbr'a San Giuseppe sta preganne.

De crestejéane ricche e puviriélle
le voje stén'arrénde socce socce;
s'aspétta l'aura e ru muménde biélle
pe vedaje gna sfilane le ndocce,

che preparéate stjéne a cendenéara
pe fa chiù bella chésta tradeziéune,
pe nuje tand'améata e tande chéara
ca regna da tand'énne déndr'Agnéune.

Na folla st'accalchéata pe la voja,
e méndre la cambéana st'assunnéaje,
tra sbattemiéne e rojese d'allegroja,
se videne le ndocce de passéaje.

E volano pe l'aria le sciamméate,
méndre de colpe mille voce bélle
se siénde chiù dolge e appassiunéate
che candane"Tu ascigne da le stélle"


Traduzione in italiano

Passano le NDOCCE
Per tutte le finestre ed i balconi
un lume sta acceso così bello,
e di fuori,contenti i ragazzi
accendono rotelle e zolfanelli.

Stasera é la vigilia di Natale
ed ognuno è contento e spenzierato
ed ammira l'albero di Natale illuminato
da tante lampadine colorate.

Vedendo il presepe già pronto,
un pastorello che pascola un agnello,
una grotta sola sola di fronte
dove un Bambinello sta per nascere.

Una stella più lucente s'é accesa
e mentre gli zampognari suonano,
si vede la Madonna inginocchiata
che sta pregando insieme con San Giuseppe.

Di persone ricche e povere
si riempiono completamente le vie,
si aspetta l'ora ed il momento bello
per vedere come sfilano le ndocce,

che sono preparate a centinaia
per fare più bella questa tradizione,
per Noi tanta amata e tanta cara
che perdura da tanti anni in Agnone.

La folla si accalca per la via
e mentre la campana sta suonando
tra battimani e risa d'allegria
si vedono le ndocce passare.

E volano per l'aria scintille di fuoco,
mentre di colpo mille belle voci
si sentono più dolci ed appassionate
che cantano: "Tu scendi dalle stelle".

Le Ndocce sono fascine di legno di faggio,assemblate,in due,quattro...fino a 24 che,accese,vengono portate sulle spalle di volontari, per le vie di Agnone(IS). Questa manifestazione(24 dicembre di ogni anno)ha tradizioni antiche e con significati diversi.

Racconto inviato da: Valentino Nero