POESIE - MOLISE
La razza de re puverielle 'nze sc-terpenisce

Dialetto: Molise

La razza de re puverielle 'nze sc-terpenisce
Nu jurne decedette d'accasarse
Pasquale Scartapelle,bbone figlie
e prima de jerorse nu cunsiglie
a Dun Bejèase,ritte,j cercarse.

"Ched'é? Té vò ccasà?Uh,sciammallitte!
E che je dé 'mmagnié,prete de sciume?
Signore mio,Signore mio, che fiume, tenésse alméne n'arte sott'a titte".

"E vvojja,dun Biasine,gné fé brutte:
s'éna 'ccasà soltande re segniure?
E' giusc-te ca pe léure ce sc-tà tutte?

E pò,se nne m'accase nenn'é bbiélle
manghe pe re segniure tande ricche:
scorta la rrazza de re puverielle".




Traduzione in italiano

La razza dei poverelli non si distrugge
Un giorno decise di sposarsi
Pasquale Scartapelle,buon ragazzo
e prima di fidanzarsi(giurarsi),un consiglio
da don Biase,dritto,andò a cercarsi.

"Cos'è?Ti vuoi sposare?Sii maledetto!
E che le dai da mangiare,pietre di fiume?
Signore mio,Signore mio,che fumo,
avesse almeno un'arte sicura(sotto al tetto)".

"E su, don Biasino,come fai brutto:
si debbono sposare soltanto i Signori?
E' giusto che per loro ci sia tutto?

E poi se non mi sposo,non è bello
nemmeno per i Signori tanto ricchi:
finisce la razza dei poverelli".

Racconto inviato da: Michele Di Ciero