POESIE - MOLISE
Nateale lundeane

Dialetto: Molise

Nateale lundeane
Cara mamma, Nateale st’arrevénne
e me vé sémbre nustalgioja
d’arrabbracciarte dòppe tanda énne
e d’arvedaje ru paese moja.

Ru présepie de sopr’a chella taura
come na vòlda vularroja arfeaje,
che la ranoja,l’èdera e la laura
na grotta tante bbella arraccungeaje.

Arsendòjera na zé la pasturélla
gna la suneava sémbre la scupoina,
che la zambogna e che la tutarélla,
déndr’a la casa nòstra la matoina.

E la veijria a saira accussì bbélla
arrappeccìea na ndoccia vularroja,
e na ferreata d’ostia e na pèzzélla
tande saproita me l’armagnarroja.

Da chésse tradezìune accuscì cheare
a sta lundeane è na malengunoja,
ma ce separa tanda tanda meare
e d'arvèderle facce la vuloja.

Pe' té mò stiénghe schitta a pregà Ddoja:
te pòzza allundaneà da ogne meale
e darte la salìute e l'allegroja.
Augurie cara mamma, bon Nateale.


Traduzione in italiano

Natale lontano
Cara mamma, Natale sta arrivando
e mi viene sempre la noastalgia
di abbraccirarvi dopo tanti anni
e di rivedere il mio paese.

Il presepio sopra a quel tavolo
come una volta vorrei rifare
con il muschio,l’edera e l’alloro
una grotta l’aggiusterei così bella.

Risentirei un pò la Pastorale
come la suonava sempre lo zampograro
con la zampogna e la ciaramella,
nella nostra casa di mattino.

E a vigilia a sera così bella
vorrei accendere una ‘ndoccia,
e un’ostia e una pizzetta
così saporita mi rimangerei.

Da queste tradizioni così semplici
stare lontano è una malinconia,
ma ci separa tanto tanto mare
e di rivederti faccio desiderio.

Per te ora sto perciò pregando Dio:
ti possa tener lontano da tutti i mali
e darti la salute e la gioia.
Auguri cara mamma, buon Natale.

Racconto inviato da: Valentino Nero